Faella. Precipita con l’aliante Enzo Acanti morto a Castroncello

232

Tragedia nei cieli della provincia di Arezzo. Enzo Acanti è precipitato con l’aliante e ha perso la vita nella zona di Castroncello, finendo in un campo. La vittima, 73 anni di Faella, era partita dall’aviosuperficie Budini Gattai. A dare l’allarme è stato un passante, che si è ritrovato di fronte per primo alla tragedia. L’allarme è scattato domenica nel primo pomeriggio. Tutto è avvenuto in fase di decollo dell’aliante, nell’aviosuperficie privata Sant’Apollonia, in località Castroncello. Acanti era socio del club di volo. Trainato dal verricello il settantenne ha iniziato la manovra di decollo ma pare per un colpo di vento in coda è precipitato schiantandosi a terra. Sul posto sono intervenuti con Carabinieri e sanitari i vigili del fuoco. Commozione all’aviosuperficie dove erano presenti il proprietario e alcuni soci. Il pilota morto è descritto come un esperto, frequentava spesso l’aviosuperficie. La stampa locale riferisce che anche il fratello della vittima era morto in un incidente aereo. Nel suo caso un ultraleggero precipitato sempre in fase di decollo, dieci anni fa, nel settembre del 2009. Gli si era spento il motore, non dandogli scampo. Roberto Acanti, il fratello di Enzo, era noto come il “Canarone”, proprio per la sua passione del volo. L’aviosuperficie Budini Gattai è base di alcuni piccoli aerei privati ma soprattutto di alianti, sia privati che della scuola dell’AeroClub di Arezzo in trasferta.