Arresti a Trapani. Coinvolti anche i politici Paolo Ruggirello e Ivana Inferrera

263

Operazione dei Carabinieri di Trapani. I militari hanno arrestato 25 persone per associazione mafiosa, scambio elettorale politico mafioso, estorsione e danneggiamento. Tra gli arrestati i vertici del mandamento di Trapani e delle famiglia mafiose di Paceco e di Marsala. Ci sono anche esponenti politici locali, che secondo l’accusa si offrivano ai mafiosi come punti di riferimento: l’ex deputato regionale Pd Paolo Ruggirello e l’ex assessore di Trapani Ivana Inferrera. Secondo gli inquirenti, i politici sono arrivati, in alcuni casi, addirittura ad affidare ai clan la gestione della campagna elettorale. Paolo Ruggirello, 52 anni, trapanese, eletto all’Ars due volte, è stato deputato questore. Si è candidato alle ultime elezioni politiche ma non ce l’ha fatta. Per lui l’accusa è di associazione mafiosa. Ivana Inferrera, 55 anni e una laurea in Conservazione dei beni culturali, è stata invece direttrice del Museo della preistoria e nel 2013 è stata nominata assessore alle Strategie di sviluppo, alle politiche sociali e al Turismo del Comune di Trapani. L’accusa per lei è di voto di scambio politico-mafioso. L’operazione ha impegnato 200 militari. I Carabinieri hanno, per la prima volta, scoperto anche una cellula di Cosa Nostra nell’isola di Favignana.