Cadono da un cestello: morti Giovanni Palmisano di Locorotondo e Angelo D’Aversa di Statte

Infortunio mortale sul lavoro in Puglia. Due uomini sono morti cadendo da un cestello elevatore che si è ribaltato nel corso di interventi di ristrutturazione di un edificio a Taranto nel rione Tamburi.

I soccorsi hanno tentato le manovre di rianimazione ma non c’è stato nulla da fare. Sul posto sono giunti Carabinieri, Polizia e i funzionari del Servizio di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro dell’Asl.

Le vittime sono Giovanni Palmisano, 33 anni, titolare di un’azienda edile di Locorotondo (Bari), e Angelo D’Aversa di Statte (Taranto), dipendente di un’altra azienda edile impegnata nei lavori di ristrutturazione dell’immobile. I due non indossavano i caschi di protezione e non erano imbracati, così come previsto invece dalle norme di sicurezza. Dopo che si è sganciato in parte il cestello dal braccio elevatore, i due lavoratori sono precipitati nel vuoto da un’altezza di circa 15 metri, morendo sul colpo.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin