Prescrizione. Giulia Bongiorno spiega i grossolani errori grillini

Fare politica è difficile. Amministrare una Nazione è ancora di più soprattutto se il politico grillino è impreparato e non sa come funziona la cosa pubblica. Matteo Salvini ha scelto di Governare insieme al M5S per provare a cambiare il Paese, cosciente che l’alleanza è a termine. Giusto il tempo di portare a casa qualche riforma a costo zero: immigrazione, sicurezza, condono (anche se parziale). Poi di corsa al voto per puntare a palazzo Chigi alla guida del centrodestra unito (con il 50%).

Del resto Giorgetti spiega a chiare lettere che Di Maio e soci non hanno idea della finanza pubblica e come il reddito di cittadinanza sia qualcosa che non si farà mai, solo una promessa elettorale. Del resto alla fine la Tap si fa, l’Ilva non chiude e si farà anche la Tav. I grillini hanno promesso mare e monti agli arrabbiati. Ma le promesse non realizzate si tradurranno in una scoppola nelle urne nella prossima primavera. Perché il Governo cadrà. L’alleanza innaturale finirà e nel 2019 Matteo Salvini Governerà da solo.

L’ultimo autogol grillino è la prescrizione. E’ come mettere “una bomba atomica sotto il sistema giudiziario italiano” spiega Giulia Bongiorno, esperta della materia e donna dello Stato. Lo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio è una misura incostituzionale e dannosa. Da Maria Latella a L’Intervista su SkyTg24, il ministro per la Pubblica amministrazione fa una lezione di diritto ai grillini. In questo modo “non ci sarebbero più Appello e Cassazione perché non sarebbero più fissate le udienze. Io questo cosa non posso accettarla e non posso non segnalarla” spiega.

La Bongiorno precisa anche di non avere dato “la disponibilità a candidarmi sindaco di Roma, né ho voglia di farlo”. “Sono completamente fuori e se me lo proponessero la risposta è: no, grazie”. Chi vorrà prendersi il peso di salvare Roma dalla Raggi e dai grillini? Matteo Salvini punta a convincere Giorgia Meloni ma il capo di Fdi non intende addentrarsi nelle macerie grilline.

Lascia un commento