Come riconquistare un ex fidanzato o marito: 3 utili consigli

Venire lasciati è sempre un’esperienza traumatica, soprattutto se questo avviene dopo anni di fidanzamento o di matrimonio. Ti lascia distrutto emotivamente, con un vuoto dentro, spaesato e insicuro sul da farsi per andare avanti con la propria vita normalmente.

In alcuni casi la scelta migliore è farsi coraggio, cercare di rimettersi in piedi dimenticare la persona che ci ha fatti soffrire, ma altre volte è giusto fare un tentativo e provare a far cambiare idea all’ex. In questo articolo scoprirai come riconquistare un ex fidanzato, o l’ex marito, grazie a 3 semplici ma fondamentali consigli che potrebbero cambiare le sorti della tua relazione. Cominciamo subito!

1. Lasciagli spazio

Se il tuo ex si è allontanato da te, la cosa peggiore che puoi fare è pressarlo, riempirlo di messaggi e chiedergli di continuo spiegazioni sul modo in cui si sta comportando. Qualunque sia il motivo che l’ha spinto a lasciarti, non riuscirai a convincerlo a rimettersi con te tramite discorsi logici o imposizioni, né tanto meno cercando di fargli pietà.

Insistendo, mostrando tutta la tua debolezza e tutto l’amore che ancora nutri nei suoi confronti, purtroppo, finirebbe solo per farlo fuggire ancora di più. Allora la miglior strategia da seguire in questo caso è troncare del tutto i rapporti con l’ex, almeno per un mese o due, in modo da dargli la possibilità di sentire la tua mancanza. Questo periodo di distacco, anche chiamato “periodo di nessun contatto”, sarà utile anche a te, per recuperare la lucidità che avevi perso subito dopo essere stata lasciata.

2. Lavora su te stessa

Essere lasciati è un’ottima occasione per mettersi in discussione ed iniziare un intenso lavoro su te stessa. Potresti ad esempio iscriverti in palestra, rinnovare il tuo look, ampliare il tuo circolo sociale, leggere libri sulle relazioni di coppia e dedicare più tempo ai tuoi hobby e alle tue passioni.

Sarà anche importante effettuare un’analisi su cosa è andato bene e cosa è andato male nella relazione appena terminata, essendo anche pronta a ricercare e ad assumerti le tue responsabilità quando necessario. Per quanto ti possa sembrare di aver fatto tutto il possibile per far funzionare le cose tra di voi, devi sempre tenere a mente che il tuo ex potrebbe aver vissuto la vicenda in modo totalmente diverso rispetto al tuo, e pensare che la colpa sia solo ed esclusivamente la tua.

La ragione sta sempre nel mezzo, quindi impegnati a comprendere il suo punto di vista, le sue esigenze che non hai saputo soddisfare, e i tuoi comportamenti che potrebbero aver contribuito al suo allontanamento. Questa analisi ti sarà molto utile non solo se vorrai provare a riconquistare il tuo ex, ma anche se il tuo obiettivo è semplicemente quello di migliorare come persona e prepararti al meglio per affrontare una nuova relazione futura.

3. Mostragli i tuoi cambiamenti

Dopo il periodo di distacco e il lavoro su te stessa, non ti resta altro che riavvicinarti poco a poco al tuo ex mostrandogli i cambiamenti positivi che hai introdotto nella tua vita. Anche in questo caso non dovrai mostrarti pressante e sin da subito convinta di voler ricostruire la relazione. Sarà meglio invece rientrare inizialmente nella sua vita senza aspettative, donandogli valore aggiunto senza chiedergli nulla in cambio.

Se non gli farai capire con certezza cosa vuoi da lui, e saprai quindi tenerlo un po’ sulle spine mostrandoti gentile ma al tempo stesso indipendente e leggermente disinteressata, lui non potrà evitare di tornare a sentire forti sentimenti nei tuoi confronti.

Esistono poi numerose strategie più avanzate che potrebbero esserti utili per riconquistare un ex, e le trovi spiegate in modo molto dettagliato in questo articolo del blog Carica Vincente. Ti invito a leggerlo per avere una panoramica a 360 gradi sul percorso che dovrai seguire da qui ai prossimi mesi. Buona fortuna!

Lascia un commento