Vivere aspettando d’essere rapito da un sogno

“ … lo sai che in Amore tutto appartiene
io ti appartengo come il sole e la luna al mare.
E’ un amarti che conduce alla felicità come quella
di starti vicino a volte per inebriarmi di te e rimanere
sconfitto in un ritorno tra le tue braccia che mi sanno
accogliere come fossero culla…. “
Vincenzo Calafiore

Alla fine di un settembre svenato dal cicaleccio di voci all’imbrunire, s’avverte forte l’aspro profumo di un ottobre fanciullesco … sulla sabbia umida chiare impronte di gabbiano e conchiglie vuote nei leggeri sbalzi della risacca.
Sapevo chiaramente a cosa andavo in contro se mi fossi lasciato andare nell’incanto del tramonto, sapevo chiaramente che sarei finito nel girotondo della memoria, sullo sfondo di Trieste negli ultimi fuochi d’una lunghissima estate.
Io e la mia speranza d’essere rapito da un grande sogno assieme alle mie inquietudini, ma avanzando nella mia età crepuscolare mi pare d’essere un superstite o un sopravvissuto di una lunga guerra, intima e silenziosa.
L’amore, vicina di casa fin dalla fanciullezza, sposa dalle mille sembianze e sfumature, pare che a un certo punto si sia allontanata lasciando vuoto e solitudine di se; dinanzi a me il paesaggio frizzantino di una città che si risveglia sulle note del Danubio Blu fino al cadere di un sole maturo sulle Rive.
E’ uno stato d’animo di chi conosce i giorni vestiti sempre uguali o di chi si getta – ubriaco- dietro i giorni che si sommano più o meno nello stesso scenario, è come la condizione di uno scrittore con la sua scrittura che si assottiglia fino a rappresentare anche l’insignificanza.
E’ un vivere aspettando d’essere rapito da un sogno! Da un grande sogno.
E’ un cambio di scena repentino la vita, è come una pagina di un racconto mai finito che prende vigore là dove si spezzano gli aneddoti, le medesime derive umane o di un personaggio fin troppo umano.
Incontrandola nascono altre nuove accelerazioni, imprevisti impulsi d’una bramosia mai assopita, si rinvigorisce la trama di un quotidiano che a volte sembra di arrestarsi.
Svegliarsi col desiderio di viverla … la vita che come una donna affascina e travolge con rinnovata emozione che mette in moto una catena che sgrana il cuore; passano nella memoria o in quel poderoso affresco dell’innamoramento continuo della fantasia … questo è il mio amarti!
Ma in fondo al palcoscenico di questa vita ci sono io con le mie schermaglie, con le mie fughe dietro le quinte come a inseguire un sogno recitando nel buio….
Ma queste pare non siano altro che trasfigurazioni studiate appositamente nelle più flessibili sfumature, disinvolte a volte, appassionate e maliziose altre volte, che forse esistono solo nella scena che la vita a volte propone, seguite da protagonista o che lo stesso protagonista ha creato per “ l’ Amore “ nello spettacolo di una quotidianità lusingata.
In questo circo a volte amaro e festoso si coglie il senso nella più grande misura di un ti amo a volte, o di un amore che potrebbe ancora giungere in questa età crepuscolare sempre assediato dalla solitudine, dall’ansia celata nell’allegria, dalle chimere della perdizione.
Intorno, il passare delle stagioni modula spiragli di vita invasa dal perenne variare dei colori:
nella vecchia storia del nascere e morire tra le braccia di una donna.

Lascia un commento