Bolsena. Tavola rotonda: cambi climatici e ripercussioni sulla vite…

Proprio in questi giorni si è svolto nella splendida cornice dell’azienda Mazziotti a Bolsena (Viterbo) un dibattito tra le Donne del Vino, Maria Sofia Darè Biancolin presidente della Deutschland Sommelier Association, Paolo Pereira enologo e biologo, Veronika Crecelius  giornalista e corrispondente per l’Italia della rivista tedesca Weinwirtschaft  e Attilio Scienza, docente ordinario di Viticoltura all’Università degli Studi di Milano per discutere sul cambiamento climatico e delle ripercussioni nella viticoltura. È noto ormai  che il cambiamento climatico sia in itinere, pertanto è necessario che si apportino soluzioni risolutive alla viticoltura attraverso l’aiuto della genetica finalizzata alla creazione di nuove varietà.

Fatto sul quale si discute poco è la dimenticanza per secoli della presenza di vitigni autoctoni  a favore di uve internazionali dalla maturazione precoce. La soluzione del domani?  Scegliere di coltivare viti adatte ai suoli e all’ambiente.

È doveroso ricordare che l’Italia possiede una diversità di superficie e una presenza di microclima molto sviluppate rispetto la Francia. L’unica soluzione è ascoltare e seguire la natura in modo tale che essa stessa possa trovare il modo di sopravvivere e adattarsi come ha sempre fatto.

Lascia un commento