Genova. Crollo ponte Morandi: almeno 22 morti, stasera arriva Conte

“Sono almeno già 22 le vittime recuperate e 8 i feriti”. Lo ha comunicato il vice ministro ai Trasporti, Edoardo Rixi, che è a Genova sul luogo del crollo del Ponte Morandi. Le immagini aeree riprese dai vigili del fuoco confermano che le campate del ponte Morandi crollate al suolo a Genova hanno investito in prevalenza l’area del torrente Polcevera e la ferrovia, colpendo, tra gli edifici sottostanti, il centro Amiu e un’altra palazzina. Sono rimaste in piedi, invece, le campate laterali del viadotto che sovrastano, oltre ad Ansaldo Energia, almeno quattro grandi condomini con decine e decine di appartamenti.

Due dei feriti gravi per il crollo del ponte sono stati travolti nelle loro abitazioni schiacciate dalla struttura. Lo riferiscono fonti mediche dall’ospedale San Martino. Si tratta di una donna di circa 75 anni intossicata dai fumi a seguito di un incendio che ha interessato la sua abitazione dopo il crollo del ponte. Un uomo sui 30 anni ha un importante trauma toracico e un grave trauma cranico. Un terzo ferito, un uomo di 46 anni della Repubblica Ceca, è in codice giallo.

“Il crollo di ponte Morandi è una immane tragedia per la nostra città”. Sono le prima parole del sindaco Marco Bucci sul crollo del ponte autostradale Morandi dell’A10. “Il Comune di Genova sta coordinando i soccorsi con la Regione Liguria e i vigili del fuoco – continua -. Ci stiamo concentrando sulla ricerca di eventuali persone rimaste sotto le macerie e per la messa in sicurezza della zona. Questa situazione creerà evidenti problemi alla nostra città, ma dobbiamo reagire da subito con forza e orgoglio”.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte andrà questa sera a Genova in prefettura. Lo rendono noto fonti di Palazzo Chigi. Dopo il crollo del ponte il premier ha deciso di recarsi subito sul luogo e resterà nel capoluogo ligure anche nella giornata di mercoledì.

Lascia un commento