Palermo. Incidente sul lavoro morto Paolo La Parola della Tecnomare Paluzzo

Infortunio mortale sul lavoro venerdì pomeriggio a Palermo. Paolo La Parola, 54 anni, è morto investito dall’esplosione di una bombola da sub.

Gli amici lo conoscevano con il nome di Paluzzo. L’uomo era in via Vincenzo Di Marco, vicino alla sede della Tecnomare Paluzzo, azienda di cui era socio e che fa riparazioni e ricariche di bombole, quando d’un tratto è deflagrata. Lo scoppio lo ha investito in pieno non lasciandogli scampo.

La Parola è stato trovato riverso per terra dai sanitari del 118, dagli agenti di polizia e dai vigili del fuoco intervenuti. I medici hanno tentato di rianimare l’uomo, ma non c’è stato nulla da fare. E’ stato infatti colpito dalla valvola di una bombola da sub di nove litri caricata ad una pressione di 200 bar. L’incidente è avvenuto alle 17.30 al civico 17.

In base al racconto dei due clienti testimoni dell’incidente, il titolare stava armeggiando con un martelletto sulla valvola della bombola quando la parte superiore ha ceduto e con la violenza di un proiettile ha colpito al volto l’uomo che è morto sul colpo. Nel garage dove ha sede Tecno Mare sono intervenuti anche i vigili del fuoco e gli agenti di polizia del commissariato Libertà. Toccherà ai tecnici dell’ispettorato del lavoro capire se l’incidente sia stato causato da imperizia o da una tragica fatalità e sarà accertato anche se la bombola aveva le certificazioni di sicurezza in ordine.

Lascia un commento