Milano. Il 29 giugno la Martesana diventa un grande parco giochi

“L’uomo è pienamente tale solo quando gioca” afferma Friedrich Schiller, perché in esso si ritrova e si conosce. Giocando, ogni individuo riesce a liberare la propria mente da contaminazioni esterne, quale può essere il giudizio altrui, e ha la possibilità di scaricare la propria istintualità ed emotività.

Il gioco è un momento prezioso per i bambini come per gli adulti ed è per questo che il Municipio 2 di Milano e il Tavolo Giovani Zona 2, venerdì 29 giugno trasformeranno il parco della Martesana in un grande parco giochi. Dalle 17:00 alle 20:00 saranno allestiti e aperti al pubblico – senza limiti di età – presso l’Anfiteatro del Parco, percorsi ad ostacoli e giochi all’aperto gratuiti.

L’obiettivo è raccogliere quanti più gettoni possibili (ogni gioco dà diritto a un gettone); i gettoni saranno poi inseriti in una Macchina della Verità, la quale donerà ai partecipanti non solo un piccolo ricordo della giornata ma anche un importante indizio per risolvere la Caccia al Tesoro in programma durante il prossimo PUC di settembre. Alle 20:00 la grande festa si sposta nel Giardino Nascosto: qui, dopo un piccolo rinfresco, si esibiranno sul palco i gruppi dei ragazzi dei Centri di Aggregazione Giovanile di Milano. In chiusura, dalle 22:30, l’associazione Quattrox4 – nata con l’obiettivo di diffondere le arti circensi a Milano – darà vita a una performance di circo acrobatico aereo, una delle discipline più affascinanti del mondo del circo, riconosciuta anche a livello sportivo.

Una giornata per tutta la famiglia dedicata alla coltivazione di due attività fondamentali ad ogni età: giocare e sognare. La partecipazione a tutte le attività è gratuita e senza limiti di età. Il programma in sintesi: dalle 17:00 alle 20:00 c/o Anfiteatro – Giochi in Fiera; dalle 20:00 alle 22:30 c/o Il Giardino Nascosto – Musica dal vivo a cura dei Centri di Aggregazione Giovanile di Milano; dalle 22:30 c/o Il Giardino Nascosto – Performance di circo acrobatico aereo a cura di Quattrox4.

Lascia un commento