Milano a favore delle persone intersex

È stata presentata a Palazzo Marino la campagna “Io sono Intersex”. Patrocinata dal Comune di Milano è organizzata dall’Associazione Radicale Certi Diritti e OII Italia all’interno delle iniziative della Pride Week.

Intersex è il termine che comprende tutte quelle persone che presentano caratteristiche sessuali diverse da quelle maschili e femminili. La conoscenza di questa condizione è ancora poco diffusa e spesso si ignora l’esistenza di persone con caratteristiche sessuali variabili. A causa della scarsa o mancata accettazione sociale, le persone intersex devono affrontare molte difficoltà e ostacoli nella loro vita, come il costante rischio di emarginazione e discriminazione.

Lo scopo della campagna “Io sono intersex” è di colmare queste lacune di conoscenze, attraverso l’informazione e la sensibilizzazione, perché solo grazie a una maggiore consapevolezza e sensibilità sociale anche i diritti delle persone intersessuali potranno essere accettati e rispettati. “Una campagna che il Comune di Milano ha patrocinato con convinzione perché si rivolge in modo chiaro e semplice alle persone coinvolte, genitori, ragazzi e soprattutto medici – ha dichiarato l’assessore Lorenzo Lipparini (Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data). Il sito internet e il video divulgativo presentati oggi sono un ottimo strumento di informazione e consapevolezza. È importante che le amministrazioni pubbliche promuovano la comunicazione di queste attività per favorire la conoscenza di una condizione ancora poco nota ma di certo non così rara”. “Siamo grati al Comune di Milano e al Milano Pride per l’attenzione alla campagna “Io sono intersex” che Certi Diritti, insieme a OII-Italia, sta portando avanti – ha commentato Leonardo Monaco, segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti – La questione intersex, lungi dall’essere un argomento minoritario o un tema da manuali di patologia, è una battaglia per il rispetto dei diritti umani fondamentali, oggi largamente violati per le persone intersex”.

Lascia un commento