Come promuovere i video su YouTube: le strategie del 2018

YouTube è sempre il canale di tendenza, preferito da milioni di persone per comunicare. Il numero di youtuber cresce in modo esponenziale. Ogni giorno migliaia di persone in tutto il mondo caricano video su Youtube e ottengono tantissime visualizzazioni. Comunicare attraverso YouTube è anche nel 2018 importantissimo per milioni di persone nel mondo. Farlo in modo corretto ed efficace non è affatto scontato.

Promuovere i video su YouTube

Il web è divenuto sempre più affollato e continua a crescere in modo esponenziale. Su YouTube crescono gli utenti e diventano sempre di più i contenuti. Ci sono youtubers in grado di diventare veri e propri influencer, di catalizzare visualizzazioni e condivisioni. C’è chi invece è alla ricerca di un servizio dedicato per farsi pubblicità su YouTube. Per promuovere i propri video è possibile avvalersi di Veedoo.it. Tra i servizi disponibili ci sono le sponsorizzazioni YouTube con Campagne Video AdWords TrueView. E’ possibile aumentare le visualizzazioni senza utilizzo di Bot, Fake Views. Ci si può avvelere infatti anche delle sponsorizzazioni per Video YouTube e Video YouTube VEVO.

YouTube: come aumentare le views

Veedoo si affianca agli utenti guidandoli nel conseguimento del risultato. A supporto dei youtuber sono state messe a disposizione delle vere e proprie guide free nelle sezione blog con suggerimenti su strategie da adottare per avere successo su Youtube nel 2018. “Chi si occupa di Video Marketing conosce bene l’importanza che hanno i Tag YouTube nel posizionamento dei video” si legge in un interessante post nel blog di Veedoo.it. In una guida viene spiegato quello che c’è da sapere per riuscire a “creare i tag per youtube non solo per posizionarsi bene ma anche per attirare traffico che si traduce in conversioni, visualizzazioni ed esposizioni utili per il proprio business”.

YouTube ha un grande potenziale. E’ infatti il secondo motore di ricerca più usato su scala globale. YouTube, essendo di proprietà di Google, acquisce una rilevanza non indifferente sul principale motore di ricerca mondiale. I video di Youtube si posizionano sfruttando la “spinta” di Google. Quando si esegue una ricerca su Google infatti, in alto, se si clicca su “Video” si ottengono numerosi contenuti che sono stati caricati su Youtube, risultati che hanno come contenuto la parola chiave inserita per la ricerca che si sta effettuando. “In più – si legge ancora nel post – i video ritenuti rilevanti da Google, ovvero quelli che secondo gli algoritmi del motore di ricerca sono in grado di aggiungere valore, vengono posizionati tra i risultati generici della SERP di Google, un altro punto che mostra l’importanza di un buon posizionamento”.

Personalizzare il proprio canale

E’ necessario quindi seguire delle strategie per ottenere maggiori visualizzazioni ad iniziare dalla personalizzazione del proprio canale Youtube per essere riconoscibili ed identificati dagli utenti.

L’intestazione/nome del brand ed eventuali slogan devono essere attrattivi. E’ consigliato eseguire un’ottimizzazioni SEO attraverso delle keyword selezionate. Contemporaneamente bisogna puntare “sul lato emotivo. Deve essere pertinente, ovvero descrivere quello che si sta facendo suscitando interesse e curiosità negli utenti”.

La creazione delle playlist è un’altra delle operazioni importanti per accrescere le visualizzazioni. Si deve offrire all’utente una facile navigazione. Gli utenti trascorrono più tempo sui canali che ritengono interessanti, “processo che viene intercettato da Youtube e, dato che l’interesse della piattaforma è quello di offrire agli utenti contenuti di qualità, il video e l’intero canale viene posizionato meglio nei risultati di ricerca, quindi questo significa avere più traffico e più conversioni”.

E’ strategico porre in evidenza i video più rilevanti per spingere il visitatore a guardare più contenuti. L’obiettivo è aumentare il tempo di visualizzazione, azioni che aiutano il posizionamento del video e del canale. Non bisogna mai sottovalutare i contenuti. Devono essere di qualità. Google e Youtube favoriscono i contenuti di qualità. Quelli scarsi o non pertinenti vengono penalizzati. “Su Youtube – spiegano gli esperti della materia su Veedoo – c’è la regola dei 15 secondi: dato che i video preferiti dalla piattaforma sono quelli che vengono visualizzati non solo più spesso ma soprattutto più a lungo, si deve dare importanza al contenuto degli stessi ed al modo in cui iniziano, se si vuole fidelizzare l’utente e posizionarsi bene nella SERP”.

E’ importante anche scegliere le parole chiave giuste. Curando ogni aspetto in modo dettagliato si possono ottenere ottimi risultati da questa piattaforma “che si rivelano utili per qualsiasi tipo di business”.

Non comprare visualizzazioni

Veedoo consiglia agli utenti di non comprare visualizzazioni. “Il concetto di acquisto di visualizzazioni o più comunemente chiamate Views su Youtube è pressoché diventato obsoleto. Comprare visualizzazioni ha per lo più oggi un’accezione negativa, infatti incrementare le Views di un video senza una strategia che miri a far crescere e monetizzare il proprio canale ha perso definitivamente importanza per tutti coloro che scelgono di avviare una propria e vera carriera”.

Per gli esperti del web la sfida è la creazione di contenuti di qualità. E’ necessario comprendere quali sono i meccanismi di promozione video che vengono offerti direttamente da Youtube. “Perché legare la propria strategia video promozionale – ammonisce Vedoo – a software e BOT che generano finte visualizzazioni quando puoi mostrare e promuovere il tuo video ad un pubblico reale che naviga giornalmente su Youtube?”.

Veedoo agisce infatti tramite i canali pubblicitari offerti da Youtube. “Offriamo la possibilità di promuovere il video facendolo conoscere da un pubblico italiano, europeo o internazionale che ha già espresso interesse per video simili” spiegano alla nostra redazione. “Abbiamo sviluppato una guida pratica per l’acquisto della campagna video promozionale più adatta all’utente”. Il suggerimento che viene dato è di non focalizzare la propria strategia di “crescita” su YouTube con il comprare visualizzazioni generate da software e programmi di scambio visualizzazione. “Noi aiutiamo il cliente a fare crescere il proprio canale e i suoi numeri su Youtube mostrandoli ad un pubblico 100% in linea con i suoi contenuti”. Nel 2018 fare video marketing è cambiato notevolmente e per vincere la sfida servono strategie innovative ed efficaci. Affidarsi a professionisti del settore è la strada ideale per centrare il proprio obiettivo ed ottenere visualizzazioni e conversioni.

Lascia un commento