Il taser in Vaticano: in dotazione alla Gendarmeria

La pistola elettrica è in dotazione a diversi agenti della Gendarmeria già da alcuni giorni. Ad oggi sono 107 le Nazioni del mondo nei quali viene usato il taser al posto delle classiche da fuoco. La convinzione è che sia uno strumento meno offensivo. In realtà ci sono state delle vittime.

La pistola elettrica serve ad immobilizzare la persona, con una scarica ad alto voltaggio. In questo modo, chi è colpito resta inoffensivo per qualche secondo e gli agenti possono intervenire e procedere all’arresto. L’obiettivo è ridurre i rischi per l’incolumità di fermati e agenti.

In Vaticano da qualche giorno sono diversi gli agenti della gendarmeria dotati di pistola elettrica. Il taser si usa anche in Germania, Canada, Brasile, Gran Bretagna, Australia e Stati Uniti. Si sono verificati però alcuni episodi tragici, come la morte di Dalian Atkinson, ex calciatore dell’Aston Villa, nel 2016 in Inghilterra, dopo che la Polizia lo aveva bloccato con la pistola elettrica. A maggio 2017 un ragazzo è morto dopo essere stato colpito 18 volte mentre si trovava sotto la doccia da agenti delle forze dell’ordine degli Stati Uniti.

Lascia un commento