Crotone, azzerata la precedente Giunta e nominata la nuova. Tre i nuovi assessori: Francesco Pesce, Pantaleone Telemaco Pedace, Valentina Galdieri

Saranno sempre otto gli assessori che sotto la guida del Sindaco Ugo Pugliese dovranno continuare ad amministrare la Città nei prossimi tre anni, tanti ne mancano alla fine della consiliatura. Il condizionale è d’obbligo: riuscirà la nuova Giunta a rimanere in carica fino al termine del mandato o ci sarà un prossimo rimpasto, magari dopo le elezioni regionali previsti per novembre 2019? Al momento sono stati sedati tutti i mugugni sorti da parte di alcuni consiglieri comunali della maggioranza rimasti esclusi nella precedente amministrazione ed ora inseriti nella nuova formazione. I nuovi assessori saranno tre: Francesco Pesce (consigliere comunale), Pantaleone Telemaco Pedace (esterno), Valentina Galdieri (consigliere comunale). I tre hanno sostituito Antonella Cosentino, Tommaso Sinopoli, Caterina Caccavari. Ridistribuite anche le deleghe:

Benedetto Proto: Vice Sindaco e deleghe al Bilancio e Programmazione, Personale – Finanze, Avvocatura, Attuazione del Programma.
Salvatore De Luca: Urbanistica – Pianificazone territoriale. Programmi complessi, Società partecipate, viabilità e traffico, verde pubblico Pianificazione e regolazione impiantistica sportiva.
Giuseppe Frisenda: politiche dello sport, Spettacolo, tempo libero, politiche giovanili, turismo.
Valentina Galdieri: Cultura, Beni culturali, teatro, Economia del Mare.
Sabrina Gentile: politiche per lo sviluppo Locale (attività economiche e produttive), Polizia Municipale, Fiere e Mercati, Servizi Demografici.
Pantaleone Telemaco Pedace: Lavori pubblici, Patrimonio, Innovazione tecnologica, Energia e risparmio energetico, Protezione civile, Demanio, accatastamenti, Impiantistica sportiva, decoro Urbano.
Francesco Pesce: Pubblica Istruzione, Sviluppo, Relazioni e Gemellaggi (area della Magna Grecia) Agricoltura, Caccia e Pesca, Università e Ricerca.
Alessia Romano: Servizi Sociali, Emigrazione ed Immigrazione, Pari Opportunità, politiche per il Lavoro.

Lascia un commento