Il M5S ha paura delle elezioni, Di Maio chiede soccorso a Mattarella

Il M5S sta facendo una figuraccia in mondovisione. Da tre mesi tiene l’Italia appesa ad un filo. Ha preteso per sé palazzo Chigi. Ha trattato prima con il centrodestra, poi con il Pd. Ha litigato con Silvio Berlusconi e con Matteo Renzi. Poi ha trascinato dentro Matteo Salvini. Quindi ha proposto come premier il professore Giuseppe Conte. Salvo lo stesso accademico rivelarsi oltre persona poco nota anche travolto dal curriculum gonfiato. Saltato il Governo Conte, Di Maio è andato sulle barricate chiedendo la rimozione del Presidente della Repubblica. Di Maio è stato scaricato da Matteo Salvini. Quindi è tornato al Quirinale chiedendo scusa ed intercessione da parte di Mattarella.

Altro che elezioni. Il M5S ha paura di andare al voto. La Lega insieme al centrodestra è pronta a fare il pienone. Luigi Di Maio è andato quindi da Mattarella e poi in una diretta Facebook ha annunciato il suo piano per il governo. Enrico Mentana su Facebook ha spiegato che “Di Maio avrebbe ottenuto da Mattarella 24 ore di tempo per provare a rimettere in piedi programma e struttura del governo Conte attraverso l’offensiva di persuasione verso Savona perché faccia autonomamente un passo indietro”.

“Subito dopo il capo dello stato ha ricevuto Cottarelli: secondo la nota ufficiosa del Quirinale Mattarella e Cottarelli hanno deciso insieme di non forzare i tempi per favorire la formazione di un eventuale governo politico. Ovviamente fa scalpore il salto mortale di Di Maio, dalla minaccia di impeachment per il no a Savona alla richiesta di un passo indietro del professore”. Salvo però Di Maio forse non avere inteso che Salvini non ci sta più. Il leader della Lega non vuole assolutamente dare vita ad un governo con i grillini. Anzi vuole prendersi tutto il centrodestra e puntare al 42-45% per governare in modo autonomo. Elezioni subito. Per Salvini sarebbe meglio ad ottobre per puro calcolo elettorale. Ma va bene anche il 29 luglio. Il destino di Di Maio e del M5S sono segnati.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin