Caluso. Scontro tra un treno e un tir: due morti e 21 feriti

164

E’ pesantissimo il bilancio dell’incidente ferroviario avvenuto ad Arè di Caluso sulla linea Torino-Ivrea-Aosta. Un Tir e un treno si sono scontrati poco prima delle 23.30 ad un passaggio a livello. Il bilancio secondo i primi dati è di due morti: il macchinista del convoglio di 61 anni e un addetto alla scorta tecnica dei Tir. Si registrano anche 21 feriti, tre dei quali in gravi condizioni. Una è la capotreno. Due vagoni dei tre che componevano il treno e la motrice sono deragliati. Nella corsa fuori dai binari è stato abbattuto anche un palo della luce. Il treno si è fermato nel cortile di un’abitazione attigua alla ferrovia. In base ad una prima ricostruzione un tir partito dalla Repubblica Ceca e adibito a trasporti eccezionali (trasportava cointainer) avrebbe attraversato il passaggio a livello in contromano nonostante il semaforo stesse già lampeggiando per annunciare l’arrivo del convoglio 10027 partito dalla stazione di Torino Porta Nuova alle 22.27 e diretto a Ivrea, ultima corsa della giornata. Con il Tir dell’incidente c’era un secondo mezzo che trasportavano container-silos di grandi dimensioni diretti ad un’azienda di Foglizzo. Secondo le ferrovie a bordo del treno c’era una quarantina di passeggeri. Lo scontro è stato inevitabile ed è stato l’inferno, nonostante il macchinista, una delle vittima accertate della sciagura, abbia azionato il freno d’emergenza per ridurre il più possibile l’impatto. Il secondo morto è uno degli addetti alla scorta. A coordinare le indagini è arrivato il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando che, assistito dal comandante provinciale dei carabinieri Emanuele De Santis, ha raccolto le prime testimonianze. L’autista del Tir, che è rimasto illeso nello scontro, è stato sottoposto all’alcoltest, per capire se avesse bevuto o guidasse sotto l’effetto di sostanze stupefacenti perché dai primi accertamenti viene escluso un malfunzionamento del meccanismo che regola le sbarre del passaggio a livello. Il Tir era scortato trattandosi di un trasporto eccezionale.