Francavilla. L’uomo che minaccia il suicidio è Fausto Filippone dirigente della Brioni

Francavilla al Mare è sotto choc. Fausto Filippone ha lanciato la figlia da un viadotto sull’autostrada A14 in contrada Vallemerlo ed è rimasto appeso gridando a tutti di andare via. Venti metri più sotto il corpo della bambina di 13 anni, che sarebbe la figlia della compagna dell’uomo. La donna è volata giù dalla finestra della loro abitazione al terzo piano ed è morta dopo un tentativo disperato dei medici di salvarla.

Filippone minaccia di lanciarsi nel vuoto. “Scusa scusa” l’ha ripetuto più di una volta il quarantenne che si trova ancora appeso nel vuoto, da quasi sei ore alla rete del viadotto della A14. Fausto Filippone, 49 anni, è un dirigente della Brioni. L’uomo non parla con i mediatori, fa segni e non vuole che i familiari gli si avvicinino.

Il dirigente ha scavalcato la rete di protezione, a cui si continua a tenere aggrappato, ed ha i piedi poggiati su una soletta di cemento. Di fronte a lui, sull’autostrada chiusa al transito, c’è un mediatore, che sta cercando di stabilire con lui un contatto. L’uomo continua a urlare a investigatori e soccorritori di non avvicinarsi alla bimba minacciando in caso contrario di gettarsi nel vuoto.

Sono giunti anche alcuni parenti dell’uomo che si trova al di là della rete di protezione dell’Autostrada, in bilico nel vuoto, dopo aver lanciato la figlia della convivente. Tra i parenti c’è la sorella che sta cercando di parlare con l’uomo, ancora appeso al viadotto sull’autostrada.