Mattarella lavora al governo elettorale: si vota a settembre

121

Il voto anticipato torna più vicino e il Colle è in azione. Il Quirinale – scrive l’Huffington Post -“attende pazientemente l’esito di questo ennesimo negoziato, ma il che fare è già all’ordine del giorno”. Le condizioni per un governo di “tregua” non sono mai esistite. Per evitare l’aumento dell’Iva e prendere i provvedimenti urgenti serve quindi un nuovo voto a breve. Prima però serve un Governo almeno elettorale che accompagni l’Italia alle urne. Paolo Gentiloni non può andare avanti fino all’ennesimo voto. “È, oggettivamente, una situazione senza precedenti” aggiunge il giornale diretto da Lucia Annunziata. Un nuovo Governo bocciato però dall’aula a fine maggio non può arrivare al voto a ottobre, “con un governo che non ha mai ricevuto una fiducia e resta in carica mesi per l’ordinaria amministrazione?” È la prima volta, nella storia italiana, che non si riesce ad avviare la legislatura. Dopo lo scioglimento per il voto necessitano 60 giorni. Se sarà bocciato il Governo elettorale del presidente Sergio Mattarella le alternative sono o il ritorno al voto nella prima domenica di agosto. Il Quirinale lavora per mandare avanti il Governo fino a luglio, per poi sciogliere e votare a settembre. Sempre secondo il giornale “i partiti, ad esempio, potrebbero votare – assieme o separati – una mozione di fiducia “tecnica” consentirebbero al governo di passare indenne il primo passaggio parlamentare, fissando già nell’atto di nascita la fine di questo governo. O qualcuno potrebbe uscire dall’Aula. Non una fiducia politica ma una, di fatto, una semplice richiesta di posticipare lo scioglimento per evitare le urne ad agosto ed arrivare a settembre”. Lo schema è complicato ma in un modo o in un altro l’Italia deve avere un Governo. L’auspicio è chiaramente che il nuovo voto sblocchi l’empasse assegnando la maggioranza definitivamente al centrodestra. Serve sbancare – con questa legge – il 40%. Sondaggi alla mano Berlusconi e soci sono al 42%. La via del voto è la strada maestra.