Incendio in due McDonald’s: uno a Milano l’altro a Sedriano

Sono divampati in due McDonald’s nel Milanese due incendi. Il primo nel capoluogo, il secondo a Sedriano. L’incendio di Milano è scoppiato nei sotterranei del fast food, dove i clienti sono subito stati evacuati.

A Sedriano invece le fiamme si sono sviluppate nel locale caldaia posto sul tetto. E’ stato segnalato dai clienti che hanno notato del fumo fuoriuscire dall’edificio.

Fortunatamente in entrambi i casi, non risultano feriti o intossicati. Si lavora per stabilire le cause dei due roghi e per mettere in sicurezza i luoghi.

Principio di incendio a Sedriano

Il ristorante della catena McDonald’s si trova in via Garibaldi. Per cause da accertare le fiamme si sono sviluppate nel locale caldaia. Sul posto sono intervenuti due mezzi dei Pompieri di Rho, un’autobotte e l’autoscala. In pochi minuti il rogo è stato domato. E’ successo alle 11:30.

In quel momento all’interno del locale c’erano pochi clienti e qualche addetto. Tutti sono usciti nel parcheggio antistante, nessuno è rimasto ferito o intossicato.

Milano: incendio al McDonald’s di piazza XXIV Maggio

L’incendio nel capoluogo ha interessato i sotterranei del McDonald’s di piazza XXIV Maggio, a Milano. I clienti del fast food sono stati evacuati. Non si registrano feriti o intossicati. IN base ad una prima ricostruzione dei Pompieri il rogo è divampato durante lavori di manutenzione nei box sotto al locale.

Due operai stavano tagliando una piccola cisterna di gasolio in disuso, utilizzata in passato per il riscaldamento, quando qualche scintilla è entrata in contatto con residui di liquido infiammabile. Il principio di incendio ha creato parecchio fumo che è arrivato fino all’ingresso del locale. I due operai coinvolti non hanno riportato lesioni, e hanno rifiutato il trasporto in ospedale. Solo un grande spavento e nulla più. Sui social media la notizia è diventata oggetto di dibattito ed è stata condivisa su tantissime bacheche.

Incendio McDonald's Milano

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin