Fine di un’era: Roberto Giacobbo lascia Voyager e approda a Discovery

Un pezzo di Rai se ne va. Roberto Giacobbo lascia viale Mazzini e Voyager per approdare a Discovery. “Lasciare la Rai è una scelta personale perché non volevo più lavorare da dipendente e quindi essere soggetto a orari di lavoro. Ma con la Rai sono in ottimi rapporti. Ho lavorato tanto e bene per questa Azienda” ha dichiarato il conduttore.

Giacobbo lascia la Rai

Si tratta di una sua “personale decisione da vicedirettore, peraltro confermato, e dipendente di Rai2: nessun dissenso con il servizio pubblico che in questi anni mi ha dato tanto dal punto di vista professionale. I rapporti sono cordialissimi” ha specificato.

“Uscirà un comunicato congiunto con la Rai. Posso anticipare, però, pur rispettando i colleghi che hanno riportato il mio passaggio altrove, che i rumors contengono alcune imprecisioni, non c’è nessuna certezza sul mio futuro. Sono un professionista sul mercato, è vero, ma al momento sto valutando alcune offerte in generale. Di più non posso e non voglio aggiungere”.

15 anni di successo di Voyager

Romano, autore, giornalista, conduttore tv, Roberto Giacobbo è il creatore di Voyager, il longevo e fortunato programma in onda dal 2003. Il professionista ha iniziato a lavorare come autore radiofonico nel 1984, per Radio Dimensione Suono (Rds). È entrato in Rai come autore e collaboratore nel 1991, lavorando per Rai1, Rai2, Rai3, ma anche Canale5, Rete4 e La7.

Dal 24 ottobre 2009 è vicedirettore di Rai2 con responsabilità per i programmi di divulgazione e per ragazzi. Tra i suoi ultimi libri: Templari. Dov’è il tesoro? (2010), Aldilà. La vita continua? Un’indagine sorprendente (2011), Da dove veniamo? La storia che ci manca (2012) e Conosciamo davvero Gesù? (2013), tutti editi da Mondadori. Maurizio Crozza gli ha dedicato la parodia Kazzenger.

Nel 2016 ha preso parte all’edizione italiana di Pechino Express come “passeggero misterioso” dell’ottava puntata. Sposato con Irene Bellini, ha tre figlie. Ora per lui inizia una nuova avventura.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin