A Mitzpe Ramon simulazione di vita su Marte

La corsa verso Marte coinvolge anche Israele. Gerusalemme ha appena completato un esperimento di simulazione nel deserto del Negev durato 4 giorni. Sei ricercatori hanno studiato e misurato radiazioni, gli effetti psicologici dell’isolamento, hanno testato vari campioni di suolo alla ricerca di segni di vita. Gli esperimenti hanno avuto luogo vicino a Mitzpe Ramon, luogo particolarmente arido e dalla conformazione geologica rosso-arancio, caratteristiche queste che lo rendono ambiente affine a Marte.

I Ramonauti: vita su Marte

Gli scienziati si sono alimentati con cibo incapsulato, hanno dormito in alloggi confinati. Si sono mossi indossando l’attrezzatura spaziale. La missione israeliana è una delle numerose “spedizioni” su Marte che si svolgono in tutto il mondo, ma la prima di molte missioni pianificate che si terranno all’interno del progetto D-MARS Desert Mars Analog Ramon Station.

Il progetto, finanziato congiuntamente dall’Agenzia Spaziale Israeliana e dal Ministero Israeliano per la Scienza, la Tecnologia e lo Spazio, ha lo scopo di contribuire alla ricerca per la pianificazione di una futura missione con equipaggio, ma soprattutto di rafforzare l’interesse pubblico alla materia. “D-Mars è per metà ricerca, per metà coinvolgimento esterno. Una parte importante di questo progetto è suscitare interesse nel pubblico e coinvolgere gli studenti interessati nello spazio” ha affermato Guy Ron, professore di fisica nucleare dell’Università Ebraica di Gerusalemme.

Marte

Orbita a 225 milioni di km dalla Terra. A inizio febbraio è stato messo in orbita il missile spaziale Falcon da parte di SpaceX. Il volo inaugurale porterà la roadster Tesla del CEO Elon Musk a orbitare proprio nelle vicinanze di Marte. Per gli esperti del settore si tratta di un punto di svolta. L’azienda californiana si prefigge tra gli obiettivi quello dei viaggi spaziali turistici. Uno shuttle direzione Marte a questo punto potrebbe non essere più fantascienza ma realtà che si potrebbe davvero concretizzare nel prossimo decennio.

Lascia un commento