Come sono vecchio,io

Come sono vecchio, io

Di Vincenzo Calafiore
23 Ottobre 2017 Udine

GIULIETTA Il tuo nome soltanto m’è nemico; ma tu saresti tu, sempre Romeo per me, quand’anche non fosti un Montecchi. Che è infatti Montecchi?… Non è una mano, né un piede, né un braccio, né una faccia, né nessun’altra parte che possa dirsi appartenere a un uomo. Ah, perché tu non porti un altro nome! Ma poi, che cos’è un nome?… Forse che quella che chiamiamo rosa cesserebbe d’avere il suo profumo se la chiamassimo con altro nome? Così s’anche Romeo non si dovesse più chiamar Romeo,chi può dire che non conserverebbe la cara perfezione ch’è la sua? Rinuncia dunque, Romeo, al tuo nome,che non è parte della tua persona, e in cambio prenditi tutta la mia.

Non ricordo più quante volte abbia letto e riletto – Romeo e Giulietta – come del resto – Il Dottor Zivago – di Boris Pasternak.
Allora quel film l’avrò visto più di una decina di volte e ogni volta tornavo a casa sempre più innamorato di una donna che ancora non c’era, e su quel lungomare affacciato alla ringhiera mi fermavo a guardare il mare e così dopo avermi arrotolato i pantaloni fino alle ginocchia e le scarpe legate attorno al collo passeggiavo sulla riva facendo finta di avere una ragazza.
E a questa ragazza raccontavo di me, dei miei progetti, del mio futuro…. ma poi mi rendevo conto di essere solo e cadevo in una immane tristezza.
L’amore, quello vero, quello che mi ha “strizzato” il cuore è venuto molto, ma molto tempo dopo; donne avrei potuto volendo averne chissà quante, ma per onestà nei loro confronti non sono andato mai oltre il rapporto di amicizia.
Ma c’èra e ancora c’è in me l’amore di Giulietta, di Nausicaa, …. come se pensasse a voce alta e rivela il suo desiderio: che Odisseo possa essere lo sposo per le nozze che il sogno inviato da Atena le ha annunciato.
Chi non ha mai sognato un amore così come Giulietta, come Nausicaa? Tutti.
Ora che ho l’amore e guardando gli innamorati di oggi mi sento un estraneo e pensare alla trepidazione del primo incontro, a quell’andare ad aspettarla sottocasa, tanta brillantina sui capelli e pochi spiccioli in tasca. La più grande meraviglia erano le lunghe passeggiate mano nella mano in riva al mare, l’emozione più grande sentire il profumo della sua pelle; qualche bacio rubato, qualche carezza… tutto qua!
Oggi che tristezza fanno questi giovani che non sanno parlare con una ragazza se non con l’invio di messaggini, e se sono a tavola neanche si parlano presi come sono a digitare sempre qualcosa su quel dannato cellulare.
Che tristezza vedere le ragazze con anelli e chiodi infilati nel naso, sulla lingua sulle labbra, gli osceni tatuaggi su ogni parte del corpo che lo deturpano invece di abbellirlo.. e poi quei nomi di ragazzi scritti sui polsi o sulle braccia, sul collo, come segno di appartenenza … e se poi si lasciano?
Ma più di tutto è la mancanza di femminilità nelle donne e l’eleganza d’essere uomo negli uomini.
Mortificante è lo spadronare della volgarità sia nel linguaggio che nella gestualità in entrambi i sessi.
Mortificante è l’ignoranza, come lo è quel voler essere ciò che non si è e per esserlo si arriva a sottoporsi a dolorosi e costosi interventi chirurgici….
Bruttissimo l’abbigliamento per non dire orrendo in certi casi, come il vedere una donna in carne, strizzata dentro un pantalone elastico ( mi pare che si chiamino fusò leggings o fusò trasparenti ).
Certo che è difficile oggi innamorarsi come Romeo e Giulietta o come Yuri Zivago e Lara Antipova! Io l’ho provato e ci sono rimasto una vita intera.

9 su 10 da parte di 34 recensori Come sono vecchio,io Come sono vecchio,io ultima modifica: 2017-10-22T20:54:11+00:00 da Vincenzo Calafiore
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento