La Farmacia: nuovo luogo di benessere

Il concetto di Farmacia esiste da moltissimi anni, secoli, ma dal 900 in poi si è evoluto in modi prima non concepibili.

farmaciaSe infatti la farmacia dal principio era un luogo dove trovare semplici rimedi per malanni, questa si è via via trasformata in un centro sempre più specializzato. All’inizio della sua storia la farmaceutica era limitata alla preparazione di decotti e impacchi, spesso con poco scienza dietro ma superstizione. Basta pensare che due secoli fa la pratica di “cambiare il sangue cattivo” era praticata attraverso le sanguisughe e si pensava che eliminando il fluido negativo si potessero curare malattie gravi come tubercolosi o polmoniti. Guardando il mondo in un periodo ancora precedente, nel XIV secolo, la conoscenza non era alla portata di tutti come oggi e neanche trasmissibile facilmente fra i vari dotti e studiosi. La carta stampata arriverà solo nel secolo successivo e porterà con se una rivoluzione incredibile, cioè lo scambio di pratiche e idee fra farmacisti.
Viaggiando fino ai giorni nostri un farmacista dell’epoca non riconoscerebbe più la sua professione.

Anche in centri piccoli come Udine, la farmacia ha preso una svolta verso una funzione multidisciplinare. La creazione di farmaci da banco è ancora attiva ma si è estesa anche alla parte di estetica: non è difficile trovare infatti creme e detergenti prodotti in loco dal laboratorio della farmacia. Il concetto di benessere e dello star bene si è evoluto nella mente delle persone e così la risposta.
In questi locali ormai non troverete solo le classiche aspirine e farmaci da banco ma una intera collezione di rimedi e integratori per migliorare il proprio stato di benessere e non solo la salute.
Qui infatti sta la linea di demarcazione tra ieri e oggi per i farmacisti. Questi professionisti infatti non devono essere preparati solo in chimica e medicina ma devono anche capire cosa fa stare bene i propri pazienti. Questa comprensione comprende non solo l’individuare quello che non va nella biochimica ma anche lo stile di vita e le aspettative delle persone.

Per i farmacisti c’è, quindi, una grande responsabilità che ormai va oltre alla semplice salute: riguarda lo stare bene psicofisico dei propri clienti.

Lascia un commento