Delegazione inglese alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito

Viterbo. Una delegazione inglese composta dal Lieutenant Colonel Malcom K CANNON, Comandante dell’Army Recruiting Training Division, e dal Warrant Officer Class 1 Paul TREMAIN, Senior Military Instructor, ha visitato nei giorni 19 e 20 luglio 2017 la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo.

Intenso il programma della visita. Dopo la cerimonia dell’alzabandiera, i colleghi d’oltre Manica hanno preso parte al briefing relativo all’iter didattico e addestrativo che i futuri Comandanti di plotone dell’Esercito Italiano seguono nel periodo di permanenza presso l’Istituto di formazione viterbese.

Peculiare e particolarmente apprezzata, si legge nel comunicato stampa della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, la consolidata sinergia fra l’Istituto e l’Università degli Studi della Tuscia, giudicata innovativa ed efficace, che offre l’opportunità di conseguire una formazione solida e al passo coi tempi, essenziale per chi nel prossimo futuro sarà protagonista nei principali scenari di crisi internazionali.

Terminata la visita alle infrastrutture didattico-addestrative insistenti nella Caserma “Soccorso Saloni”, la delegazione inglese, presso il poligono di Monteromano, ha avuto modo di assistere all’esercitazione di plotone in attacco, che costituisce l’obiettivo addestrativo tecnico professionale del secondo anno di corso del XVIII corso “Lealtà”.

Gli Allievi Marescialli della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, nel mese di luglio, sono stati impegnati, nell’ambito dell’Esercitazione “Una Acies 2017”, in un ciclo di attività, essenzialmente pratiche, finalizzate a conferirgli gli strumenti professionali idonei al ruolo di junior leader che andranno a ricoprire nell’ambito delle unità dell’Esercito Italiano.

La Scuola Sottufficiali dell’Esercito ha il compito di formare i Marescialli Comandanti di plotone e Marescialli qualificati Infermieri Professionali. L’iter formativo si sviluppa coniugando una didattica di livello universitario con un’intensa attività ginnico-sportiva unitamente a un impegnativo programma di attività militari, teoriche e pratiche, svolte in sede, in aree e strutture addestrative sul territorio nazionale.

Lascia un commento