Maurizio Fortino voleva solo aiutare l’ex moglie di Davide Giancane

La gelosia di Davide Sanzone Giancane sarebbe stata ingiustificata. A quanto si apprende non c’era alcuna relazione tra l’infermiere Maurizio Fortino e l’ex moglie del quarantenne.

Davide Sanzone Giancane

Il Mattino riporta la testimonianza di un amico della vittima. Antonio Cesarano riferisce al giornale che “quella sera l’infermiere era andato nella casa di via Origlia a Nocera Inferiore per sincerarsi delle condizioni della donna perchè da un po’ di tempo accusava episodi di depressione e quella sera le aveva portato dei medicinali”.

La vittima di 52 anni lavorava al dipartimento di salute mentale dell’Asl Salerno in via Ricco. Fortino aveva preso a cuore la situazione di una persona conosciuta nel suo percorso professionale fornendo aiuto e sostegno. Nulla di più giurano in tanti.

Il sabato prima dell’omicidio la moglie aveva partecipato alla festa di compleanno del cinquantenne. I due venivano descritti come una coppia in sintonia.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento