L’autopsia conferma: Erika Preti uccisa con il coltello del pane

Si stringe il cerchio. Un improbabile aggressore dall’esterno o un femminicidio? Uccisa con 2 coltellate alla gola inferte con un coltello da cucina. Lo conferma l’autopsia su Erika Preti, la ragazza di Pralungo assassinata domenica a Lu Fraili. La vittima era in vacanza insieme a Dimitri Fricano. L’uomo di 30 anni nega ma ad oggi è indagato per omicidio volontario. E tutto lascia intendere che sia stato lui…

Dimitri Fricano

Fricano rimane in ospedale a Olbia, ma al momento non è stato emessa la misura cautelare.

L’autopsia è stata eseguita dal medico legale Vindice Mingioni nell’ospedale San Francesco di Nuoro, un lavoro di più di 3 ore. L’esperto si è preso tempo prima di depositare la relazione completa al procuratore nuorese Andrea Garau, titolare dell’inchiesta.

L’ipotesi prevalente, anche tra gli inquirenti, è che domenica mattina è stato Fricano ad ucciderla con il coltello da cucina, ritrovato sulla scena del delitto, con cui i 2 stavano affettando il pane prima di partire per una gita in mare.

Il racconto di Fricano vacilla. Una rapina senza portare via nulla e senza segni di effrazione?

9 su 10 da parte di 34 recensori L’autopsia conferma: Erika Preti uccisa con il coltello del pane L’autopsia conferma: Erika Preti uccisa con il coltello del pane ultima modifica: 2017-06-13T16:00:39+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento