L’Università Popolare degli Studi di Milano contro i Siti Fake

Google continua a muoversi seriamente nella lotta contro la diffusione di notizie false e  ha bannato ben 200 editori dalla piattaforma AdSense, assicurandosi così che la diffusione di bufale e notizie false, troppo spesso prese per vere dai condivisori seriali sui social network, non guadagnino da questa disinformazione, o che almeno non lo facciano tramite Google.

===========================================

AGGIORNAMENTO DEL 10 AGOSTO 2017 

Il sito presto.news ha cambiato nome da pochi giorni e ora si chiama “evidence based review”.

Il Diffamatore è il sedicente “PROF.”  GIUSEPPE MACARIO. Numerose sono le denuncie internazionali e al momento è nato un sito che denuncia le operazioni poco chiare di questo diffamatore seriale: il sito che documenta tutte le malefatte di questo personaggio che si spaccia per professore universario della Università della Gente è http://giuseppemacario.info

===========================================

 

AGGIORNAMENTO 
Università Popolare di Milano all’attacco: prima sentenza di condanna per chi ha diffamato un membro dell’ateneo

Purtroppo non è così per ancora molti siti Fake che nell’anonimato e senza la registrazione come testata si fanno passare per testate giornalistiche, e addirittura spacciandosi per altre testate configurandosi come siti cloni di altri siti web.

È il caso di www.presto.news, un sito che si fa passare per una radio svizzera e diffonde frasi ingiuriose nei confronti di attività italiane.

Qualcuno avrà osservato nelle pagine interne che diffamano un ateneo le pubblicità di Google, si palesa dunque uno scopo pecuniario nell’intera operazione.

Giudicate voi:

Dati di registrazione del sito fake “PRESTO NEWS” 

 

Dati di registrazione sito corretto della SRF Svizzera 

 

Abbiamo chiesto spiegazioni all’Università Popolare degli Studi di Milano, una delle vittime della diffamazione a mezzo stampa che compare nell’interno delle pagine di questo sito web. Ecco la risposta del Presidente dell’Università, il Dr. Marco Grappeggia.

Il Presidente Marco Grappeggia

Il Presidente Marco Grappeggia

“Abbiamo appreso con rammarico dell’esistenza su Internet di un sito web, non italiano, ma svizzero (www.presto.news) che in una sua pagina, redatta da un autore che si nasconde nell’anonimato, pubblica frasi ingiuriose e prive di fondamento nei confronti del nostro Ateneo. Il dominio in questione si configura come un clone (un fake) del sito ufficiale e realmente esistente di una radio Svizzera che è la Schweizer Radio und Fernsehen (SRF) www.srf.ch e che nulla ha a che vedere con Presto.news. 

“Le affermazioni contenute nel loro testo sono altamente lesive e contengono perciò gravi ipotesi di reato. Per queste ragioni abbiamo già dato mandato agli avvocati per sporgere denuncia agli organi competenti ai fini dell’accertamento di ogni responsabilità – prosegue la nota -. Inoltre è prevista una azione civile per il risarcimento dei danni che è stato calcolato ammontino a circa 2 milioni di euro di danno di immagine. A riguardo si precisa che il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza”. 

Conclude così l’ateneo: “Diffidiamo altresì chiunque a veicolare il contenuto di tali affermazioni e ci riserviamo di procedere anche contro i soggetti che, a qualsiasi titolo, concorreranno alla diffusione, sia integrale che parziale,di notizie diffamanti. Difenderemo l’onorabilità del nostro Ente e delle persone diffamate. Ribadiamo pertanto, con assoluta fermezza, che l’Università Popolare degli Studi di Milano continuerà ad operare nell’interesse dei propri studenti, sempre fuori da ogni logica di interruzione dei percorsi di studio e già riconosciuti dal Consiglio di Stato e pubblicati su Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana“.

Rif. http://www.unimilano.org/wp-content/uploads/unimilano_-_pubblicazione_gazzetta_ufficiale.pdf

 

9 su 10 da parte di 34 recensori L’Università Popolare degli Studi di Milano contro i Siti Fake L’Università Popolare degli Studi di Milano contro i Siti Fake ultima modifica: 2017-05-31T18:02:07+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento