Dall’idea alla città: il bilancio partecipato del Comune di Milano

“Dall’idea alla città” è il progetto definito dalla giunta Sala inserito nel piano di sviluppo delle periferie, di promozione di politiche sull’accessibilità e di valorizzazione del decentramento amministrativo.

L’edizione 2017 arriva a conclusione di un percorso di consultazione che ha coinvolto organi politici e tecnici del Comune di Milano e dei nove municipi su indicazione dell’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data, l’assessorato al Bilancio e Demanio e l’assessorato ai Lavori pubblici.

L’iniziativa è rivolta a tutta la popolazione residente nel Comune di Milano e chiunque abbia un rapporto continuativo con il territorio comunale per ragioni di studio, lavoro o domicilio (i city users), a partire dai 16 anni di età e di qualunque nazionalità. I cittadini sono quindi chiamati a decidere quali interventi realizzare sul territorio avendo a disposizione quattro milioni e mezzo di euro, 500 mila per ogni singolo Municipio.

Il processo partecipativo si articolerà in 4 fasi:

raccolta delle proposte e dei supporti;
valutazione e progettazione delle proposte;
votazione dei progetti;
monitoraggio dei progetti finanziati.

Settembre – novembre 2017: collegandosi al sito bilanciopartecipativomilano.it, realizzato grazie alla partnership con il Consorzio di ricerca europeo Empatia, i cittadini avranno la possibilità di presentare la loro proposta, che dovrà riguardare un solo Municipio, anche diverso da quello di appartenenza. Le proposte saranno supportate dagli utenti che potranno esprimere una sola preferenza a proposta.

Valutazione e progettazione delle proposte

Novembre – febbraio 2018: le proposte pervenute saranno vagliate dall’Amministrazione comunale che, prima di procedere alla pubblicazione online, ne verificherà la coerenza con l’ambito di applicazione e le regole del bilancio partecipativo.

La Commissione tecnica valuterà quindi le proposte più supportate per ogni Municipio per verificarne l’ammissibilità alla fase di progettazione e stabilirà per ciascuna delle proposte ammissibili una stima del costo dell’intervento.

Per fissare il numero delle proposte ammesse per ciascun Municipio alla fase di progettazione sarà sommato il valore minimo delle proposte, dalla prima classificata in poi, fino al raggiungimento della cifra di un milione di Euro, il doppio del budget a disposizione di ciascun Municipio. Durante la progettazione i cittadini proponenti collaboreranno con la Commissione tecnica per definire i dettagli e le conseguenti stime di costo della proposta.

Votazione dei progetti

Marzo 2018: si apre la fase del voto per i cittadini, che si avvarrà della piattaforma bilanciopartecipativomilano.it. Potranno essere attivate postazioni assistite presso i municipi, le Case della partecipazione, le Biblioteche comunali e altri spazi che vogliano offrire supporto al bilancio partecipativo. Ciascun cittadino potrà votare fino ad un massimo di 3 progetti, di qualsiasi importo e Municipio. La graduatoria dei progetti sarà definita sulla base del numero di preferenze ottenute.

Monitoraggio dei progetti finanziati

Giugno 2018 – Un costante monitoraggio accompagnerà tutta la durata della realizzazione dei progetti. I dati e le informazioni relativi all’avanzamento dei lavori saranno pubblicati sul sito bilancipartecipativomilano.it in maniera trasparente e tempestiva, sotto la responsabilità dell’Amministrazione e con la collaborazione dei referenti dei progetti vincitori, che alimenteranno la piattaforma con una rendicontazione costante.

I progetti saranno realizzati in ordine di graduatoria per l’ammontare del costo stimato, sino all’esaurimento del budget complessivo municipale. L’impiego degli eventuali residui sarà negoziato insieme tra cittadini proponenti, Amministrazione comunale e Municipi.

I progetti avranno la possibilità di vedersi attribuito un coefficiente premiale del 10 per cento, da applicare sul numero dei voti ottenuti dai progetti. Due i bonus a disposizione, cumulabili tra loro: uno assegnato dal Comune e uno dal Municipio.

Il bonus comunale “Milano accessibile” sarà attribuito ai progetti coerenti con i principi di accessibilità urbana, secondo i criteri definiti nel Patto di partecipazione, il documento che regola il processo partecipativo disponibile su bilanciopartecipativomilano.it.

Il bonus municipale, invece, sarà attribuito dai presidenti dei municipi, che ne stabiliscono il nome, gli obiettivi e i criteri di assegnazione in piena autonomia. I requisiti necessari al progetto per ricevere il bollino municipale saranno comunicati dai municipi entro l’avvio della fase di raccolta delle proposte.

Sul sito bilanciopartecipativomilano.it ampio spazio sarà dedicato al monitoraggio e stato avanzamento lavori dei progetti vincitori della prima edizione del bilancio partecipativo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Dall’idea alla città: il bilancio partecipato del Comune di Milano Dall’idea alla città: il bilancio partecipato del Comune di Milano ultima modifica: 2017-05-31T02:28:38+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento