Napoli. Cinque fermi per l’omicidio del baby boss Emanuele Sibillo

PoliziaEseguita dalla Polizia un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 5 soggetti, ritenuti collegati alla famiglia camorristica dei Buonerba, contigua al clan Mazzarella. Sono i promotori, mandanti e killer del baby boss Emanuele Sibillo, il ventenne il cui corpo senza vita venne lasciato di fronte al pronto soccorso dell’ospedale Loreto Mare la notte tra l’1 e il 2 luglio del 2015.

I destinatari delle misure cautelari, emesse dal gip di Napoli su richiesta della DDA, sono ritenuti responsabili anche del tentato omicidio scattato nel 29 giugno del 2016, ai danni di 3 minori all’epoca dei fatti, tutti ritenuti appartenenti al gruppo camorristico dei Sibillo, nota come “la paranza dei bambini”, retta dal Emanuele Sibillo, e dal fratello Pasquale arrestato a Terni. Gli agguati rientrano nella faida di camorra tra gruppi criminali antagonisti della zona di Forcella scattata nel giugno del 2015.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin