Le regole comunali per fare volantinaggio a Roma

Una delle formule di pubblicità più efficaci e dirette, sempre praticate e mai superata, sia nelle grandi che nelle piccole città, è il volantinaggio.

La campagna pubblicitaria avviene distribuendo volantini o del materiale pubblicitario. A Roma vige uno specifico regolamento, reperibile sul portale di Roma Capitale, che regola il settore.

Volantinaggio Roma: come farlo?

volantinaggio a RomaFare pubblicità distribuendo un volantino o materiali pubblicitari non è un’attività che richiede un’autorizzazione specifica ma una dichiarazione di pubblicità e che venga attestato il pagamento.

La ricevuta del saldo viene presentata al Municipio territorialmente competente (dove viene effettuata la distribuzione).

Sempre al Municipio dove è ubicata l’attività pubblicizzata o l’attività se il volantinaggio ricade nel territorio di diversi Municipi o al Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura.

Direzione Sportelli Unici. U.O. Affissioni e pubblicità in via dei Cerchi, 6 se, per esempio, la sede legale del soggetto che esegue l’attività il volantinaggio è fuori città.

I costi per fare volantinaggio a Roma

In base alla Delibera del Commissario Straordinario n. 92 del 15 aprile 2008 e successive modificazioni, si paga un canone di euro 0,05 a manifestino oltre a pagare i diritti d’istruttoria ammontanti a 16 euro. La dichiarazione di pubblicità viene prodotta all’Ufficio Commercio del Municipio competente dove si procederà al pagamento della reversale.

La dichiarazione, con allegato il pagamento, da eseguire sul Conto Corrente Postale 64746001 intestato a Roma Capitale – Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura.

Direzione Sportelli Unici. U.O. Affissioni e pubblicità o su conto corrente bancario codice Iban: IT69P0200805117000400017084 con intestazione Tesoreria Roma Capitale – via Monte Tarpeo 42 – Unicredit Banca e la bozza del volantino, devono essere depositati all’Ufficio Protocollo del

Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura in via dei Cerchi, 6 lunedì 9 -12.30, Martedì 9-13 e 14-17, mercoledì 9-12.30, giovedì 9-13 e 14-17, venerdì 9-12.30.

Il Comune può verificare se le dichiarazioni, ai sensi del D.P.R. n. 445/00, sono veritiere applicando nel caso sanzioni e chiedendo ulteriori importi tariffari dovuti.

Volantinaggio Roma: le prescrizioni

L’attività di distribuzione di materiale pubblicitario o manifestini a Roma viene effettuata attraverso consegna alle persone.

Vige il divieto della distribuzione, affissione ed esposizione attraverso collocazione sui beni situati, anche in via temporanea, in luoghi aperti al pubblico o pubblici.

Ogni manifestino indica, in modo visibile, l’obbligo di usare cestini o cassonetti per buttarli. Si tratta di regole importanti per rispettare la città e il pubblico decoro. Roma peraltro è un museo a cielo aperto e non è ammissibile sporcare in alcun modo.

A tal proposito è preferibile affidarsi a società professionali che rispettano tute le prescrizioni comunali ed eseguono un lavoro altamente qualitativo.

Il soggetto che distribuisce il volantino deve avere a portata di mano la ricevuta dell’avvenuto pagamento in caso di controllo della Polizia Municipale.

Quali sono i costi del volantinaggio nella Capitale

I prezzi per una campagna di volantinaggio variano da agenzia ad agenzia. C’è da dire che, a differenza di grandi supermercati che investono ancora ingenti quantità di denaro nella distribuzione di volantini, le piccole e medie attività soffocate dalla crisi sembrano aver rinunciato a pubblicizzarsi in questo modo.

Altri motivi per cui le piccole realtà commerciali a Roma investono sempre meno in volantinaggio ha 3 motivazioni.

Molti preferiscono il web, il profilo Facebook (cosa tra l’altra contraria al regolamento che fornisce lo strumento delle pagine aziendali a questo scopo).

Altri sono reduci da esperienze deludenti come come veder molti dei loro volantini gettati per strada o nei cassonetti dell’immondizia e sono restii a investire nuovamente in materiale cartaceo da distribuire

Forse affidandosi a persone poco affidabili o ad agenzie a basso costo, il che non garantisce per niente che il personale svolga il lavoro in maniera ineccepibile.

Quindi più che chiedersi quanto costa o quale è il prezzo del volantinaggio a Roma, sarebbe più pertinente chiedersi: esiste un modo per ridurre il costo di questa attività?

Nel panorama delle agenzie pubblicitarie romane dedite al volantinaggio sta emergendo la MVM Pubblicità di Stefano Belli, che ha pensato bene di reinventare la distribuzione in chiave Co-Marketing.

A questo punto forse ci si chiede cos’è il Co-Marketing e quale relazione ha con volantinaggio?

Il Co-Marketing è la fusione di due termini inglesi: cooperative e marketing. Per darne dei sinonimi potremo definirlo una partnership, in questo caso fra attività commerciali, aziende, imprese.

L’idea della cooperativa del marketing è forse quel che rende meglio l’dea. In che modo le piccole attività commerciali possono sfruttare questa intuizione?

Stringendo un alleanza fra negozi o attività commerciali e dividendosi la spesa.

Detta così sembra non facilmente comprensibile ma di fatto è una formula molto semplice e anche replicabile.

Come funziona il volantinaggio a Roma in co-marketing?

Innanzi tutto esistono alcune premesse e caratteristiche:

  • 2 o più attività commerciali che si alleano non devono essere concorrenti diretti (esempio pizzeria con pizzeria)

 

  • Possono provenire dallo stesso settore. Prendiamo un esempio con il settore della ristorazione.
    • Con 2 partner: pizzeria + gelateria
    • Con 4 partner: bar + pizzeria + gelateria + alimentari

 

  • Possono provenire da settori completamente diversi. Per esempio:
    • Numero partner 2:  pizzeria + negozio abbigliamento
    • Numero partner 4:  bar + pizzeria + negozio abbigliamento, casalinghi.

 

Prova tu a fare ora qualche associazione con 4 partner diversi.

Come faranno ora questi partnership di commercianti a unificare la loro campagna di volantinaggio?
  1. Un volantino fronte retro per due partner
  2. Un volantino a 4 ante per 4 partner
  3. 4 grafiche personalizzate per ogni attività
  4. Campagna di volantinaggio unica per tutti

Questo tipo di attività e replicabile anche su altri supporti ad esempio che dire du due partner che si dividono la spesa per il noleggio di un camion vela e su ogni lato del camion una pubblicità diversa?

Da provare! Sicuramente i piccoli e medi commercianti saranno entusiasti di provare questo nuovo metodo di volantinaggio a Roma

9 su 10 da parte di 34 recensori Le regole comunali per fare volantinaggio a Roma Le regole comunali per fare volantinaggio a Roma ultima modifica: 2017-04-27T08:08:38+00:00 da Graf_Send
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento