Villa d’Adda. Il cadavere di Mohammed Bayoud affiora dalle acque del fiume

La macabra scoperta nell’Adda in località Chiosetto di Villa d’Adda in provincia di Bergamo. A fare la scoperta, è stato un operatore di una linea di traghetti, che ha scorto il cadavere incastrato tra gli arbusti.

Il corpo, in avanzato stato di decomposizione, è emerso dopo l’abbassamento del livello delle acque. Dopo essere stato recuperato, è stato trasportato fino a Imbersago.

La vittima è Mohammed Bayoud, marocchino di 37 anni che abitava a Villa d’Adda. Era scomparso il giorno di Natale. Dopo pranzo, sarebbe uscito per fare una passeggiata senza più fare ritorno.

Lascia un commento