Cosenza, i finanzieri denunciano strutture ricettive che non pagano l’Imu

Le Fiamme Gialle hanno effettuato ispezioni in stabilimenti balneari, alberghi e strutture ricettive della fascia costiera dell’Alto Tirreno Cosentino. I controlli hanno riguardato 50 attività imprenditoriali e società operanti in diversi comuni. Le verifiche hanno portato a riscontrare il mancato pagamento dell’Imu.

Evasione di imposte locali per 6 milioni

Il monitoraggio ha riguardato soprattutto immobili della categoria “Alberghi e pensioni con fini di lucro”, per i quali i possessori sono tenuti al pagamento dell’imposta municipale unica.

Nel corso dei controlli sono stati individuati anche immobili posseduti da imprese e per i quali non si era provveduto ad un regolare accatastamento. Oltre all’imposta evasa, le persone e le società che non hanno adempiuto ai previsti pagamenti, saranno soggette anche ad una sanzione amministrativa del 30% dell’importo dovuto. L’evasione complessiva riscontrata ammonta a 6 milioni di euro.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin