Una diversa maniera, di ritrovarsi… con un filo ( Personale, Tullio Fantuzzi )

foto mostra 285foto mostra 295foto mostra 294

 

 

 

 

Una diversa maniera, di ritrovarsi… con un filo

( Personale, Tullio Fantuzzi )

 

 

di vincenzo calafiore

 

Gradisca d’Isonzo 6 agosto 2016

 

Udine 8 agosto 2016

Tullio Fantuzzi espone le sue opere presso la Galleria d’Arte La Fortezza in via Ciotti 25, Gradisca d’Isonzo dal 6 al 28 Agosto.

Tullio Fantuzzi risiede in una città, per me la più bella in assoluto, Trieste e come la sua città ha negli occhi il mare e il vento, ma soprattutto i colori, le tinte che Trieste col suo mare a saper guardare non si risparmia a elargire, è come affacciarsi a una finestra e cogliere a piene mani emozioni e sensazioni, ma di più la semplicità del mare.

Pur rimanendo nel mio personale “ pensiero “ che nessuno potrà essere in grado di giudicare un’opera se non trasmettere solo le emozioni che questa ha risvegliato, e quindi giudico inutili certe presentazioni in cui si tenta di spiegare ai convenuti i perché e i come dell’artista, quando solamente egli stesso e solamente lui è in grado di spiegarlo, solo lui sa e conosce l’attimo in cui è nata un’opera.

Da buon triestino che è Tullio Fantuzzi, amando ciò che Trieste ogni momento come in una fotografia gli dona, non altera, non trasforma né violenta la serenità e la semplicità di una finestra su cui davanzale sono due vasi da fiori, o una tovaglia che sventola, un lenzuolo appeso a un filo ad asciugare.

E’ questa, la semplicità, che Tullio plasma nelle sue composizioni!

La stessa semplicità che hanno i triestini, quel ciao o quel come stai che diventano cenni che si ricordano, diventano memoria.

Ed è quella che trapela dai quadri appesi alle pareti della Galleria d’Arte LaFortezza, perché da una finestra come da una porta si può guardare all’esterno come all’interno, ed è intimità, famiglia, dialogo, musica, ma soprattutto dialetto di straordinaria musicalità.

A guardare quei quadri appesi si viene colpiti dalle tinte tenue, intime e preziose quasi schive come a non voler invadere o primeggiare su una parete, e queste rispecchieranno il carattere schivo dell’Artista Tullio Fantuzzi .

Ho notato che in tutte le sue opere da un lato c’è un filo che scende da una finestra e si inerpica sui muri, corre lungo certe traiettorie invisibili, ma ha una sua meta ove risiederanno certe intime emozioni.

Ma potrebbe anche essere un filo da prendere in mano e seguirlo interamente nei suoi percorsi per non perdersi in questa società immane e tremendamente in bilico sul baratro dell’odio e dell’intolleranza, della violenza e del sopruso, del furto dell’anima e della libertà, è un “ filo” che potrebbe individualmente farci ritrovare col nostro cuore, che con la mente.

Ecco cosa Tullio Fantuzzi con grazia e maestria cerca di trasmetterci con le sue semplici opere: la semplicità del mare, di Trieste, della vita!

Grazie del tuo impegno a regalar “ semplicità” facendoci ricordare anche, che un “ sommo” un dì,  scrisse: “ nati non foste a viver come bruti… “ !

 

 

9 su 10 da parte di 34 recensori Una diversa maniera, di ritrovarsi… con un filo ( Personale, Tullio Fantuzzi ) Una diversa maniera, di ritrovarsi… con un filo ( Personale, Tullio Fantuzzi ) ultima modifica: 2016-08-08T06:04:23+00:00 da Vincenzo Calafiore
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1

Lascia un commento