Milano, il sindaco conferisce il Sigillo della città a Raffaele Cantone

“Sono davvero onorato di aver consegnato questa mattina il Sigillo ufficiale della nostra città a Raffaele Cantone, uomo dello Stato che ha fatto dell’affermazione della legalità la sua missione professionale e umana. Il suo impegno nei mesi di Expo nel predisporre, elaborare e suggerire strategie di contrasto e di prevenzione di episodi illeciti è stato fondamentale. Un impegno che abbiamo salutato da subito con favore, convinti che avrebbe aiutato a dare ulteriore sostanza e forza alla campagna di affermazione della legalità intrapresa sin dai primi mesi dall’insediamento e che abbiamo ulteriormente rafforzato in occasione di Expo”.

Milano Pisapia e CantoneLo ha affermato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia conferendo il Sigillo della Città a Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, con la seguente motivazione: “Per il prezioso ruolo svolto come magistrato e come Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione in difesa della legalità. L’Unità operativa speciale Expo 2015, da lui istituita e diretta, ha rappresentato uno strumento cruciale nel prevenire episodi illeciti, contribuendo direttamente al successo della manifestazione e a mostrare al mondo l’immagine migliore dell’Italia e di Milano”.

“Expo è stato un grande evento, ammirato e apprezzato da milioni di persone di tutto il mondo, durante il quale abbiamo dimostrando che la legalità paga, che è possibile creare bellezza e lavoro in modo onesto. Consegnare il Sigillo della città oggi al Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione è un impegno che Milano si prende per il futuro: continuare nella difesa e nella promozione della legalità”, ha concluso il Sindaco.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, il sindaco conferisce il Sigillo della città a Raffaele Cantone Milano, il sindaco conferisce il Sigillo della città a Raffaele Cantone ultima modifica: 2015-10-28T19:20:47+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento