Bologna, notifica sanzioni per violazioni al Codice della strada, ecco come funziona il nuovo sistema

Nel mese di luglio il Corpo di Polizia Municipale ha introdotto una nuova modalità al servizio di recapito delle multe derivanti da violazioni al Codice della strada, per i residenti del Comune di Bologna. La nuova modalità consiste in un servizio di notificazione tramite messi comunali, e non più tramite posta raccomandata, così come contenuto nella Convenzione IntercetER del 2013 “Gestione delle sanzioni amministrative relative all’attività della Polizia Municipale”.

Il nuovo sistema permette al cittadino di risparmiare 3,83 euro sulle spese di notifica rispetto al sistema utilizzato il passato tramite posta raccomandata.

L’Amministrazione comunale, dopo una prima fase di sperimentazione e monitoraggio, conscia delle difficoltà che i cittadini possono incontrare dal cambio del sistema di notifica, è già al lavoro per agevolare l’assimilazione della nuova modalità, in particolare individuando luoghi in città per il ritiro delle sanzioni, al di fuori della Ztl.

Le modalità di svolgimento del servizio sono le seguenti:

Gli addetti effettuano un primo tentativo di notificare l’atto presso l’abitazione del destinatario e qualora non reperiscano né il destinatario né altri soggetti ammessi a ricevere l’atto (familiari conviventi, addetti alla casa, all’ufficio e altri), lasciano presso l’abitazione un cosiddetto avviso di cortesia, che consente di ritirare l’atto entro alcuni giorni e senza ulteriori formalità presso la sede del gestore del servizio, in via Arcoveggio 74/2.

Trascorso questo termine, il messo effettua un secondo tentativo di notificare l’atto presso l’abitazione del destinatario, in orario diverso dal precedente. In tale circostanza, qualora ancora una volta non si reperiscano né il destinatario né gli altri soggetti ammessi al ritiro, il messo procede, ai sensi di legge, a lasciare presso l’abitazione un formale avviso di deposito, con il quale si da atto del deposito presso la sede del Comune del plico da ritirare.

Contestualmente a questa operazione il messo, rispondendo a un preciso obbligo di legge, inoltra al destinatario una raccomandata A/R con la quale da atto della tentata notifica, informando nuovamente della necessità di procedere al ritiro dell’atto presso il Comune.

Tale formalità assume un ruolo molto importante nella procedura, perché è solo con l’invio della raccomandata che prende avvio il termine di compiuta giacenza dell’atto che determina il compimento della notificazione, in tutti i casi in cui il destinatario non si presenti per il ritiro.

Dal punto di vista organizzativo e dei costi si segnala che il nuovo servizio offre maggiori garanzie di successo dal momento che si articola su un doppio tentativo di notificazione effettuato in orari diversi, con l’aggiunta dello strumento dell’avviso di cortesia, che se adeguatamente utilizzato, potrebbe consentire di limitare la complessità delle operazioni. La modalità di recapito prescelta comporta come detto un minore costo per il destinatario dell’atto pari a 3,83 euro (10,8 euro contro 14,63 euro del sistema precedente) e un risparmio anche sui costi a carico dell’ente.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, notifica sanzioni per violazioni al Codice della strada, ecco come funziona il nuovo sistema Bologna, notifica sanzioni per violazioni al Codice della strada, ecco come funziona il nuovo sistema ultima modifica: 2015-10-19T03:20:16+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento