Napoli, arrestati i presunti mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio di Salvatore D’Alpino

Fermate dalla Polizia 11 persone sospettate di appartenere al gruppo camorristico della famiglia Buonerba, detti “i capelloni”, legata al clan Mazzarella. I reati contestati sono associazione per delinquere di tipo mafioso, omicidio, tentativo di omicidio, porto e detenzione illegale di arma da fuoco nel tentativo di strappare al cartello camorristico Sibillo-Giuliano-Brunetti-Amirante la gestione di droga ed estorsioni.

Tra i fermati figurano anche i presunti mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio di Salvatore D’Alpino e del ferimento di Sabatino Caldarelli, avvenuti a Napoli il 30 luglio, e i presunti esecutori materiali del tentativo di omicidio di Giuseppe Memoli, il 9 agosto.

Agli atti dell’indagine vi sono le intercettazioni telefoniche, ambientali e videoriprese che documentano nei dettagli le attività illecite. Durante le perquisizioni sono state trovate alcuni armi ed è stato sequestrato un ordigno rudimentale ad alto potenziale.

Lascia un commento