Protesta sugli esodati, i leghisti occupano i banchi del governo nell’Aula della Camera

La seduta è stata sospesa dal vice presidente dell’assemblea, Roberto Giachetti, che ha chiesto l’intervento dei questori. I parlamentari di Matteo Salvini, che protestano per la vicenda esodati, hanno anche esposto cartelli con la scritta “Renzi ladro di pensioni”. Poco prima, con Matteo Salvini, i leghisti avevano occupato il Ministero dell’Economia.

I parlamentari del Carroccio sono corsi ai banchi del governo e, non appena i commessi hanno rimosso i cartelli, si sono piazzati ai posti di ministri e sottosegretari ignorando l’ordine di Giachetti di tornare ai propri scranni. Giachetti ha espulso dall’Aula Cristian Invernizzi e ha chiesto ai questori di “intervenire per consentire all’Aula di lavorare”, sospendendo la seduta. I leghisti hanno occupato tutta la parte destra dei banchi sotto la presidenza lasciando vuoti i posti a sinistra.

Dopo circa 30 minuti la protesta è stata interrotta. “Sono arrivati i commessi per farci alzare di peso. Non facciamo le risse con loro come i colleghi di M5S, noi abbiamo una dignità…”, ha detto il capogruppo del Carroccio, Massimiliano Fedriga. La seduta è poi ripresa.

9 su 10 da parte di 34 recensori Protesta sugli esodati, i leghisti occupano i banchi del governo nell’Aula della Camera Protesta sugli esodati, i leghisti occupano i banchi del governo nell’Aula della Camera ultima modifica: 2015-09-15T17:21:33+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento