Barberino d Mugello, occasioni di incontro e di memoria per ricordare la Liberazione

Dopo il prologo di domenica 6 settembre, con la visita guidata al Cimitero germanico del Passo della Futa, proseguono a Barberino di Mugello le celebrazioni per il 71esimo anniversario della Liberazione, che di fatto hanno aperto anche il folto programma culturale “I conflitti della memoria”. Il prossimo fine settimana il paese celebrerà con varie iniziative il ricordo dei giorni in cui Barberino si liberò dall’oppressione nazifascista.

La prima rassegna, promossa dal gruppo giovanile “Liberamente”, si svolgerà al Circolo Arci di Barberino e promuoverà due giornate tra proiezioni di film, dibattiti, cene a tema e musica dal vivo. “LIBERAMENTE – L’informazione rende liberi” sarà il titolo della due giorni che tra Sabato 12 e Domenica 13 Settembre vedrà impegnate, a vario titolo, associazioni come il Presidio di Libera Mugello “Ilaria Alpi e Miran Hrovatin”, la sezione locale dell’A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Il circolo Arci di Barberino e la Fondazione “Il Cuore si scioglie onlus”. Due giorni intensi con l’obiettivo di confrontarsi su temi di stretta attualità come la Costituzione e le proposte di riforma, l’immigrazione e l’emergenza accoglienza oltre alle infiltrazioni mafiose in Italia. Alle 16 le giornate partiranno con la proiezione di un film che precederà la discussione successiva: il Sabato incentrata sulla Costituzione italiana, grazie alla partecipazione di Paolo Papotti, responsabile formazione ANPI nazionale, di Salvatore Tassinari, ex professore di storia e filosofia e dei volontari del presidio Libera – Mugello. Il giorno successivo, Domenica 13 Settembre, il dibattito su “Immigrazione e speculazioni” vedrà la presenza tra gli altri di Luigi Andreini, presidente Associazione Progetto Accoglienza e di Sara di Maio, Vice Sindaco di Barberino di Mugello.

La Domenica 13 Settembre sarà aperta dalle celebrazioni istituzionali per il 71esimo della Liberazione di Barberino con il ritrovo alle ore 9.30 davanti al Palazzo comunale e la partenza del corteo che alle 10 deporrà le corone al Monumento ai Caduti, con il saluto del Sindaco Giampiero Mongatti e delle autorità presenti. Il corteo ripartirà quindi per le vie del centro accompagnato dalle note della Filarmonica “Giuseppe Verdi” e si concluderà con la celebrazione della Santa Messa in suffragio dei caduti di tutte le guerre.

Le celebrazioni quindi vivranno una prestigiosa appendice Domenica 27 settembre quando nel pomeriggio a Palazzo Pretorio si svolgerà l’iniziativa “Piccoli grandi eroi” quando torneranno a Barberino i discendenti dell’aviatore americano Harry George, salvato dai tedeschi dalla famiglia barberinese Ferri, per la presentazione del libro “Georgio Italiano. An American Pilot’s Unlikely Tuscan Adventure”. Contestualmente sarà inaugurata la mostra di sculture dell’artista Simone Scopetani e sarà presentato il progetto “Pettirosso da combattimento. Eroi civili sulla Linea Gotica in Mugello”.

“Abbiamo promosso una serie di iniziative per coinvolgere ogni fascia della popolazione in queste giornate di ricordo e di riflessione intorno all’anniversario della Liberazione di Barberino – spiega il primo cittadino Giampiero Mongatti – E’ sempre più importante riuscire a mantenere viva una memoria storica condivisa, soprattutto oggi che stiamo perdendo gli ultimi testimoni diretti di quei giorni. Il confronto tra generazioni è quindi il passaggio naturale di questo testimone – conclude Mongatti – ed è per questo che come Amministrazione comunale teniamo particolarmente a queste giornate, così come alle tante altre iniziative inserite nella rassegna “I Conflitti della memoria” e per le quali ringrazio apertamente l’assessore Fulvio Giovannelli ed il gruppo di lavoro delle politiche giovanili e culturali per la regia, convinti che attraverso la conoscenza e la condivisione delle storie e le esperienze vissute si possa costruire una società futura migliore e libera dai fondamentalismi”.

Lascia un commento