Venezia, a San Giuliano Pensa alla vita….guida con la testa

Penultima tappa dell’iniziativa “Pensa alla vita….guida con la testa!!! –  Dall’Adriatico alle Dolomiti 2015”, la campagna informativa sulla sicurezza stradale promossa dall’ANVU (Associazione Professionale Polizia Locale d’Italia) in collaborazione con le Polizie Locali e vari Enti e Associazioni impegnati nel campo della sicurezza stradale e che ha interessato, durante l’estate 2015, le piazze di alcune località turistiche (Jesolo, Caorle, Bibione, San Vito di Cadore, Abano Terme e Verona). L’appuntamento è per oggi 4 settembre, dalle 16, al circuito didattico ciclabile del Parco San Giuliano a Mestre (ingresso porta rossa).

La manifestazione ospiterà vari stand informativi per sensibilizzare i cittadini a una maggiore educazione alla sicurezza, sostenendo l’uso del casco e delle cinture, e presentando i rischi/effetti derivanti dall’uso di sostanze alcoliche e stupefacenti alla guida dei veicoli, con particolare attenzione nei confronti dei giovani al fine di ridurre le cosiddette “stragi del sabato sera”.

Nel corso dell’evento gli operatori della Polizia Municipale di Venezia saranno a disposizione, oltre che per rispondere alle domande e distribuire opuscoli, anche per illustrare il funzionamento delle attrezzature quotidianamente utilizzate sulle strade per garantire una maggiore sicurezza della circolazione (autovelox, telelaser, etilometro, drogatest, ecc.).

Parteciperanno all’evento i volontari della Croce Verde, della Federazione Motociclistica Italiana, dell’Associazione Vittime della Strada e ARCAT e della Protezione Civile che, con il loro personale, effettueranno dimostrazioni pratiche in materia di sicurezza.

Il circuito didattico ciclabile sarà invece a disposizione dei più piccoli per sperimentare, con l’aiuto del personale della Polizia municipale, una circolazione corretta e sicura con la bicicletta.

In caso di condizioni meteorologiche avverse la manifestazione sarà annullata.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento