La morte di Don Carlo Leoni, il cordoglio dell’Amministrazione Comunale di Livorno

L’Amministrazione Comunale esprime, a nome di tutta la città, il cordoglio per la morte di Don Carlo Leoni, sacerdote della Diocesi di Livorno e figura di peso anche nel mondo dell’associazionismo e del volontariato.

Persona di grande cultura, umanità, e autentico spirito libero, ha rappresentato un punto di riferimento nelle molte realtà che lo hanno visto impegnato in prima linea, anche se con estrema discrezione e semplicità.

Si è sempre distinto per il suo impegno a favore degli “ultimi” in tutte le tappe della sua vita.

Nato a Bussolengo, in provincia di Verona, il 1° marzo del 1930, arrivò giovanissimo a Livorno, dove terminò gli studi da seminarista. Ordinato prete divenne Cappellano della chiesa di Santa Teresa a Rosignano Solvay e poi Parroco a Parrana dove rimase per 10 anni. Trasferito come Cappellano al Duomo iniziò la sua esperienza con i giovani, grazie anche all’insegnamento della religione nelle scuole, che lo portò poi a fondare la Comunità Impegno. Divenne in seguito Cappellano di Villa Serena e del Pascoli, successivamente fu nominato Cappellano dei cimiteri della Misericordia, della Purificazione, dei Lupi e Cappellano della Confraternita della Misericordia. È stato fino alla fine Cappellano dell’Arci-Confraternita della Purificazione e Cappellano della Socrem (Società di Cremazione) di Livorno, della quale divenne il primo Cappellano in Italia. E’ stato fino agli ultimi istanti il Presidente Onorario e l’assistente Ecclesiastico del Centro Mondialità.

I funerali di Don Carlo sono stati celebrati nella Chiesa della Purificazione, dal Vescovo Monsignor Giusti. Presente per l’Amministrazione l’assessore al Sociale Ina Dhimgjini.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin