Pisa, libri il Banco popolare rinnova il prestito pensato per i giovani

Roberto PericoIl Banco Popolare, attraverso la Cassa di Risparmio di Pisa, rinnova il prestito pensato per i giovani e le loro famiglie: “ Prestito Libri 2015”, una soluzione di microcredito agevolato dedicato alle spese d’istruzione e formazione scolastica e universitaria.

“Prestito Libri 2015”, riservato a tutte le famiglie con figli studenti, dalle Scuole Primarie all’Università, offre un finanziamento di minimo 500€ e massimo 1.000€ a tasso zero, completamente senza spese per tutta la durata e comodamente rimborsabile fino a 18 mesi, per l’acquisto di libri,materiale scolastico e, più in generale, strumenti di supporto allo studio.

“Prestito Libri è pensato per sostenere le famiglie che si trovano ad affrontare le necessarie spese legateall’istruzione dei ragazzi. – Spiega Roberto Perico, Direttore territoriale della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno – Una vantaggiosa soluzione per sostenere l’accesso allo studio attraverso un finanziamento ad hoc, senza interessi né spese, ma anche un chiaro segnale di come la Cassa di Risparmio e il Banco Popolare intendano continuare a supportare le famiglie per rispondere ai bisogni concreti del territorio”.

In affiancamento al nuovo prestito, il Banco Popolare offre inoltre soluzioni personalizzate anche per gli studenti che dovessero avere esigenze di finanziamento di importo più elevato come per esempio ilpagamento delle tasse universitarie, l’iscrizione a Master post-laurea o le spese legate a programmi di formazione Erasmus.

“Prestito Libri 2015” è disponibile fino al 30 novembre 2015 presso tutte le filiali della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno e del Gruppo Banco Popolare.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, libri il Banco popolare rinnova il prestito pensato per i giovani Pisa, libri il Banco popolare rinnova il prestito pensato per i giovani ultima modifica: 2015-08-26T02:22:28+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento