Anniversario della morte di Alfredo Martini, il ricordo dell’assessore Vannucci

“E’ già passato un anno da quando ci ha lasciati, ma le sue imprese, la sua personalità, la sua umiltà e profonda umanità, la sua saggezza sono più che mai vive nelle persone, che sono tantissime, che gli hanno voluto bene”. Lo ha detto l’assessore allo sport Andrea Vannucci ricordando il grande Alfredo Martini a un anno esatto dalla sua scomparsa.
“Purtroppo non ho conosciuto personalmente Martini – ha aggiunto l’assessore Vannucci – ma in questo mio primo anno da assessore ho potuto apprezzare quanto la sua figura sia sempre presente nel mondo del ciclismo e dello sport più in generale. Attraverso il rapporto con le figlie e il nipote Edoardo ho maturato una serie di conferme sullo spessore del personaggio e per quello che è stato Alfredo nella storia del pedale ma non solo. Mi piace ricordare che accanto ai 22 anni a bordo dell’ammiraglia azzurra con 6 titoli iridati, 7 argenti e altrettanti bronzi, Martini è stato protagonista della lotta di Liberazione attraverso il suo impegno nelle formazioni partigiane e successivamente come amministratore nella sua Sesto Fiorentino. Determinante è stato poi il suo contributo affinché Firenze e alla Toscana ospitassero i campionati del mondo nel 2013”.
“Tante sono state le iniziative già promosse e tante altre sono in calendario prossimamente – ha concluso l’assessore Vannucci – per ricordare la sua figura, ma soprattutto per proseguire nel suo lavoro ispirato con tenacia e ostinazione per la promozione verso le nuove generazioni di sani principi nel ciclismo e nello sport. Un messaggio più che mai attuale, che tutte le persone che hanno voluto bene ad Alfredo hanno il dovere di perseguire. E’ il minimo che dobbiamo a un grande uomo”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Anniversario della morte di Alfredo Martini, il ricordo dell’assessore Vannucci Anniversario della morte di Alfredo Martini, il ricordo dell’assessore Vannucci ultima modifica: 2015-08-26T02:22:31+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento