Il governo indiano ha ordinato il blocco di oltre 850 website pornografici

Bloccati tra gli altri i maggiori siti a luci rosse. L’azione del Governo ha scatenato un’ondata di proteste sui social network.

Il dipartimento delle Telecomunicazioni ha inviato una circolare ai maggiori fornitori di servizi internet, come Airtel e Vodafone, con una lista di 857 siti da oscurare.

Tuttavia, soltanto pochi operatori hanno attuato la disposizione.

Lascia un commento