Vigonza, malore improvviso durante un giro in bici morto Agostino Contin

Agostino Contin, 70 anni, viveva a Vigonza in via Prati 78. Il pensionato, sofferente di cuore, ha deciso di fare un’escursione con la moglie Sandra Levorato. Arrivati a Noventa, però, la consorte ha bucato una gomma ed è stata costretta a fermarsi e tornare verso casa. Agostino Contin le ha detto di stare tranquilla e di non preoccuparsi. Dopo poco sarebbe rientrato a casa anche lui.

Il settantenne, dopo aver attraversato Vigonovo, è entrato nel territorio di Saonara. Arrivato in via Villanova si è sentito male. È sceso dalla bici e si è appoggiato alla recinzione esterna di una casa. Qualcuno l’ha visto sofferente ed è corso in suo aiuto. Tra i primi ad intervenire è stato un cardiologo che passava da quelle parti.

Le condizioni del ciclista sono apparse subito disperate. Mentre il medico gli praticava il massaggio cardiaco, è arrivato anche il personale medico del Suem. I sanitari hanno tentato di rianimare il pensionato per interminabili minuti, poi non hanno potuto far altro che accertarne l’avvenuto decesso.

Sandra Levorato vedendo che il marito stava ritardando, si è subito preoccupata. Ha preso allora un’altra bicicletta, è uscita di casa e ha effettuato il tragitto che solitamente faceva con il marito. Arrivata in via Villanova, ha visto i Carabinieri che bloccavano la strada, la bicicletta del marito appoggiata ad una casa e un lenzuolo bianco a terra coperto da un ombrellone. Ha capito tutto. Secondo quanto riportato dai medici che hanno soccorso il pensionato, la morte sarebbe avvenuta per cause naturali riconducibili allo stato già delicato di salute in cui versava Agostino Contin, aggravato dal caldo torrido.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vigonza, malore improvviso durante un giro in bici morto Agostino Contin Vigonza, malore improvviso durante un giro in bici morto Agostino Contin ultima modifica: 2015-06-29T17:15:24+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento