Grandinata, almeno 2 di milioni danni nel Reggiano

Ammontano ad almeno un  paio di milioni i danni provocati alle aziende agricole dalla grandinata che il 19 giugno ha colpito il Reggiano, in particolare in una ben definita zona della Bassa reggiana. E’ la cifra che emerge dalle prime, parziali stime emerse questa sera nel corso dell’incontro convocato in Provincia dal presidente Giammaria Manghi e dal consigliere delegato all’Agricoltura, Alessio Mammi, con le associazioni agricole (Confagricoltura, Confederazione italiana agricoltori, Federazione provinciale Coltivatori diretti, Unione generale Coltivatori-Cisl), le centrali cooperative e i sindacati.

Nell’attesa che il 9 luglio si chiuda la ricognizione avviata dalla stessa Provincia, la sola Cia ha finora contato più di 30 aziende danneggiate stimando almeno 420.000 euro di danni nel comprensorio di Gualtieri,  Guastalla, Boretto e Brescello ed altri 160.000 nella più ristretta fascia comprendente Poviglio, Meletole e Castelnovo Sotto.

Per Confagricoltura è stata proprio questa la zona più flagellata, con danni già accertati per alcune centinaia di migliaia di euro in particolare alle produzioni di  cocomeri, meloni, pomodori, ma anche erba medica, orzo e lo stesso grano, che ha comunque perso gran parte dei chicchi.

Per la Coldiretti – che al momento ha riscontrato danni per 550.000 euro, con il comparto del pomodoro maggiormente  colpito – è indispensabile pensare anche a una mappatura delle zone della nostra provincia che purtroppo, a causa dei mutamenti climatici, vengono sempre più spesso danneggiate da eventi atmosferici estremi.

 “Anche per questo alla Regione ed in particolare all’assessore all’Agricoltura Simona Caselli, che si è dimostrata molto sensibile, abbiamo chiesto di valutare l’individuazione di appositi strumenti normativi e finanziari che in tempi rapidi consentano di sostenere le aziende agricole nel caso di eventi atmosferici che ormai purtroppo, per la loro frequenza, non hanno più i connotati della straordinarietà, magari non sono così violenti da giustificare la dichiarazione dello stato di calamità maturale, ma sono  comunque in grado di danneggiare pesantemente le coltivazioni”, hanno detto il presidente Manghi e il consigliere provinciale Mammi. Per la Provincia, tali fondi regionali ‘straordinari’ ad hoc potrebbero anche aiutare gli agricoltori a meglio fronteggiare un altro problema emerso questa sera, quello dei rapporti con le assicurazioni, “migliorando le caratteristiche di quanto previsto dalle polizze”.

Nel corso dell’incontro si è discusso anche dei Piani di contenimento delle nutrie, recentemente oggetto di un accordo tra la stessa Provincia e le associazioni agricole (oltre a Comuni e Consorzi di bonifica, ai quali si è recentemente aggiunta anche Aipo) finalizzato ad una attività di controllo della specie per limitare i pesanti danni che questi animali provocano tanto alle coltivazioni, quanto alla tenuta idraulica degli argini.

9 su 10 da parte di 34 recensori Grandinata, almeno 2 di milioni danni nel Reggiano Grandinata, almeno 2 di milioni danni nel Reggiano ultima modifica: 2015-06-29T20:25:58+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento