Pisa, l’arte di Park Eun Sun al Galilei

L’aeroporto di Pisa si veste d’arte. Lo sguardo degli oltre quattro milioni e settecentomila passeggeri che ogni anno transitano dall’Aeroporto Galileo Galilei di Pisa incontra la scultura con i preziosi marmidelle Apuane. VolareArte, giunta quest’anno alla sua terza edizione, è un’iniziativa della Fondazione Henraux in collaborazione con Toscana Aeroporti S.p.A., società che gestisce gli scali di Pisa e di Firenze, che vede l’installazione di nove sculture monumentali, di cui una inedita e appositamente realizzata, dell’artista coreano Park Eun Sun, all’esterno e all’interno dell’aeroporto di Pisa. Le opere rimarranno esposte fino al 2017.

Le sculture, che cambieranno il volto dell’aeroporto di Pisa fino al 2017, sono state svelate alla presenza, fra gli altri, del sindaco di Pisa Marco Filippeschi, del sindaco di Firenze Dario Nardella, l’amministratore delegato Gina Giani e Roberto Naldi, presidente di Corporaciòn America.

“L’inaugurazione della terza edizione di Volarearte – ha detto il sindaco Filippeschi – è l’occasione perrilanciare con forza il rapporto tra Pisa e Firenze e rafforzare la vocazione all’internazionalizzazione delle due città Toscane. L’aeroporto di Pisa, oggi Toscana Aeroporti, è da sempre uno straordinario motore dell’economia ma anche centro di iniziative culturali di livello”.

“È la prima volta dalla fusione dei due aeroporti – ha detto Dario Nardella – che il sindaco di Firenze e di Pisa si incontrano proprio all’aeroporto Galilei e non è un caso. Questo incontro è la dimostrazione del fatto che la fusione dell’aeroporto è un fatto strategico e, soprattutto concreto. Con Pisa stiamo lavorando e lavoreremo su quattro assi generali: le relazioni internazionali, le infrastrutture, l’innovazione tecnologica e la ricerca, e i servizi al cittadino”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, l’arte di Park Eun Sun al Galilei Pisa, l’arte di Park Eun Sun al Galilei ultima modifica: 2015-06-28T02:56:14+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento