Tunisi, il premier Habib Essid chiude 80 moschee

Il Governo tunisino laico si scaglia contro i centri di predicazione dell’odio religioso. Verranno chiuse 80 moschee, al di fuori del controllo dello Stato, per incitamento alla violenza dopo il massacro di ieri a Sousse, sulla costa, dove killer di Isis hanno ucciso 39 persone, la maggioranza turisti stranieri. Lo ha annunciato il premier Habib Essid.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin