Aumentano i fiorentini che quest’anno non rinunceranno alle vacanze

Aumentano, e di molto, i fiorentini che quest’anno non rinunceranno alle vacanze. Sono il 57, 3% mentre erano il 25,3% lo scorso anno e il 32,1% nel 2013.
La ‘fotografia’ è stata scattata dall’ufficio di statistica del Comune che, per il dodicesimo anno, ha stimato il numero di fiorentini che andranno in villeggiatura e quello di coloro che, invece, resteranno in città durante il periodo estivo.
L’aumento è generalizzato per tutte le classi di età, ma è particolarmente marcato tra i giovani (0-17 anni), la cui percentuale di coloro che andranno in vacanza aumenta del 52,3.
In deciso aumento l’intenzione di andare in vacanza sia per i lavoratori dipendenti (+29,8% rispetto al 2014), sia per gli autonomi (+39,8%).
Diminuiscono in modo marcato coloro che non andranno in vacanza (da 65,9% a 35,8%).
Nello studio (che sarà pubblicato nei prossimi giorni, nel bollettino mensile di giugno), gli esperti del Comune sottolineano inoltre il calo della percentuale di coloro che si sposteranno solo il fine settimana (6,8%, era 8,8% nel 2014), considerati una fascia intermedia tra coloro che andranno in vacanza rispetto coloro che non lo faranno.
Il mare resta la meta prediletta, in particolare quello toscano (39,4%) che supera le località fuori regione (38,9%), in aumento rispetto allo scorso anno.
Si conferma inoltre la tendenza a concentrare le proprie ferie in un unico periodo (sebbene in calo di 13,4% rispetto al 2014) e agosto come mese preferito, ancora con un picco di assenze per Ferragosto.
In aumento, infine, la percentuale di chi parteciperà agli eventi culturali in città (44,5% contro 26,8% del 2014).
«L’analisi statistica delle intenzioni di effettuare vacanze estive dei fiorentine indica un’inversione di tendenza molto confortante rispetto allo scorso anno, momento più buio della crisi economica italiana– ha sottolineato l’assessore Lorenzo Perra – È un indicatore indiretto della condizione economica e delle aspettative circa il futuro, che sono molto migliori rispetto al passato. Molto interessante infine il dato di coloro che resteranno in città, intenzionati a partecipare ad eventi culturali in maniera crescente rispetto allo scorso anno, con particolare riferimento alle mostre, la cui domanda aumenta del 46,8% rispetto ai desideri del 2014».
L’indagine è stata effettuata tra il 18 ed il 29 maggio 2015 su un campione formato da 800 famiglie di fiorentini, suddivise per quartiere ed età anagrafiche.
Dalle famiglie si è passati all’analisi dei singoli componenti, stratificandoli a posteriori per genere e per età.

Lascia un commento