Fassina scarica Renzi, il 4 luglio vertice a Roma con tutti i delusi dal Pd

Tira e molla. Prima si, poi no. Ora ancora si. Stefano Fassina alla fine esce allo scoperto e rompe con il Pd. Ieri si era lasciato sfuggire la scelta di lasciare parlando in un circolo Dem a Capannelle, a cui era seguita la smentita.

Stefano Fassina

Stefano Fassina avrebbe voluto ufficializzare l’addio il 4 luglio durante un’assemblea convocata a Roma, alla Garbatella. L’incontro servirà “per i delusi dal Pd”, spiega Fassina, “per chi ha contrastato la riforma del lavoro, quella della scuola, chi, dirigente o militante, non se la sente più di continuare così”.

“Ricominceremo con i tanti che hanno già lasciato il Pd, con Cofferati, Civati, Pastorino”, continua il deputato, “e con Sel”. “L’obiettivo è un soggetto unitario della sinistra”, prosegue.

Con il Partito di Matteo Renzi che crolla nei sondaggi, il Governo scricchiola. “Non è un bel giorno per il Pd. L’uscita di Stefano Fassina deve far riflettere”. Lo afferma via Twitter Roberto Speranza, che aggiunge. “Non la condivido ma il Partito democratico deve cambiare rotta”.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento