Jesi, precario di 44 anni si impicca perché non può pagare il mutuo

Lo jesino si è tolto la vita nella casa in cui viveva con gli anziani genitori. Sono stati proprio loro, di ritorno dalla spesa nel vicino supermarket, a scoprire il corpo senza vita. Sul posto i sanitari e i Carabinieri che hanno trovato un biglietto scritto a mano in cui l’uomo chiedeva scusa.

Sembra che l’uomo di 44 anni fosse preoccupato per motivi economici. Il lavoro, saltuario, non gli consentiva più di pagare il mutuo della casa. Sarebbe stato proprio questo peso a spingerlo a praticare un foro sul soffitto con un trapano e a farci passare una corda.

Lascia un commento